Cinghiali, WWF Italia: “La caccia è il problema, non la soluzione”

È questa la tesi con cui il le associazioni ambientaliste (ENPA, LAC, LAV, LIPU e WWF) rispondono alla manifestazione organizzata da Coldiretti.

0
WWF

WWFColdiretti non sta facendo un buon servizio ai suoi associati. Proporre la caccia come soluzione ai problemi dei danni all’agricoltura vuol dire insistere su una strada sbagliata e fallimentare che fino ad oggi non ha prodotto alcun risultato, anzi è stata parte del problema. Se la caccia fosse una soluzione, gli agricoltori non sarebbero scesi in piazza per chiedere interventi straordinari per contenere i danni alle colture, visto che da decenni sono centinaia di migliaia gli animali abbattuti senza che ciò abbia contenuto minimamente i danni, né le popolazioni stesse di ungulati”.

È questa la tesi con cui il le associazioni ambientaliste (ENPA, LAC, LAV, LIPU e WWF) rispondono alla manifestazione organizzata da Coldiretti davanti a Montecitorio. “Esiste un problema reale e complesso che bisogna affrontare con strumenti seri ed efficaci e professionisti del settore, non continuando a delegare ai cacciatori la gestione della fauna italiana”. Sul territorio italiano (ISPRA 2010) si stima la presenza di quasi due milioni di ungulati selvatici, in primis cinghiali (900mila), caprioli (450mila), camosci alpini (120mila) e cervi (60mila). Più contenuta la presenza di mufloni e stambecchi, e ancor più quella del camoscio appenninico (meno di 2000). I motivi dell’espansione degli ultimi decenni sono ben noti: l’abbandono di agricoltura e allevamento in zone marginali, con conseguente espansione di foreste e boscaglie, ha creato nuovi habitat ed elevata disponibilità di cibo.

Accanto a questi motivi ecologici, si sono sommati quelli ludici: molte specie sono state infatti ripopolate anche a scopo venatorio, con il risultato che gli agricoltori lamentano danni alle colture ritenuti insostenibile. Ma la soluzione c’è, e parte proprio dall’eliminare i fattori che gonfiano artificialmente le popolazioni di ungulati. Al primo posto è necessario mettere la parola fine ad ogni pratica legale o meno di ripopolamento e foraggiamento degli ungulati, vietate da anni per il cinghiale ma che ancora vengono messe in campo per timore che cali la fauna selvatica a disposizione. A questo si somma il vantaggio legato alle molte vendite illegali delle carni (che può raggiungere un giro di affari di milioni di euro ogni anno), grazie alla disponibilità di ristoratori compiacenti e alla scarsità di controlli sanitari e fiscali. È quindi evidente che il mondo venatorio non ha alcun interesse a ridurre la presenza di ungulati sul territorio, perché ne trae divertimento ed utilità.

Anzi, la stessa caccia esercitata in modalità non selettiva, come nella braccata, può far addirittura aumentare le popolazioni di cinghiali, rimuovendo gli individui di maggiori dimensioni (gli adulti) con la conseguente riproduzione anticipata degli individui più giovani, che in presenza degli adulti non si riprodurrebbero. “Non vorremmo che alcune associazioni agricole, che da sempre siedono nei direttivi degli Ambiti Territoriali di Caccia e non hanno speso una parola per l’assottigliamento del personale provinciale deputato alla materia, continuassero con gli stessi errori del passato senza trovare le soluzioni adeguate per gli agricoltori che rappresentano errori di cui, oramai, gli stessi agricoltori cominciano a rendersi conto. Solo con un approccio razionale, scientifico e strutturato, senza il ricorso a provvedimenti “spot” o di propaganda, potremo risolvere davvero e a lungo termine i problemi degli agricoltori, in equilibrio con la natura e gli ecosistemi”.

1.73/5 (11)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here