FACE, la preparazione dei cacciatori europei per sradicare la peste suina africana

A Dortmund si è parlato della diffusione di questa malattia e del ruolo che rivestono i cacciatori del vecchio continente.

0
Peste suina

Peste suina africanaLa Federazione europea per la caccia e la conservazione (FACE), e la Commissione europea hanno organizzato una conferenza ad alto livello sul tema “Preparare i cacciatori europei per sradicare la peste suina africana” alla fiera “Jagd und Hund” di Dortmund, Germania. Alla conferenza hanno partecipato esperti della comunità di caccia, scienziati, la Commissione europea, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE), le autorità nazionali e le principali parti interessate dei settori dell’agricoltura e delle carni suine dell’UE. Tutte le parti interessate presenti alla conferenza hanno espresso profonda preoccupazione per la diffusione della peste suina africana in Europa. Attualmente non esiste alcun trattamento o vaccinazione noto per contrastare l’epidemia nonostante una notevole quantità di ricerche. Sebbene la malattia non influisca sull’uomo, può avere un impatto su tutti gli aspetti della caccia e sulla gestione della fauna selvatica colpita dalla malattia.

Ciò è evidente dall’Europa orientale e dagli Stati baltici come pure in Belgio, dove sta causando una vasta gamma di problemi per gli agricoltori, i cacciatori, i gestori della fauna selvatica e l’industria di carne su più miliardi di euro. Di fronte a un vasto pubblico, il presidente della FACE Mr. Torbjörn Larsson, ha aperto la conferenza affermando: “I cacciatori sono gli occhi e le orecchie della natura selvatica e hanno un ruolo chiave da svolgere per sradicare la peste suina africana ma dobbiamo essere adeguatamente equipaggiati per affrontare il problema malattia nel modo più efficace. Abbiamo molta esperienza da offrire e le autorità e gli altri decisori dovrebbero garantire che siamo una parte fondamentale del dibattito ad ogni livello “.

Il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha espresso il suo sostegno al più alto livello della Commissione europea, sebbene non sia stato in grado di partecipare all’evento a causa di impegni inevitabili. Attraverso un videomessaggio, ha riconosciuto che la ASF rappresenta una sfida estrema e ha affermato che il controllo e l’eradicazione della peste suina africana rappresentano un’alta priorità per l’UE in quanto per il grave rischio che potrebbe portare ad un importante settore economico, alle popolazioni di cinghiali e all’ambiente. Il commissario Andriukaitis ha anche sottolineato che è fondamentale che ogni singolo cacciatore deve essere consapevole e prestare attenzione alla facilità con cui la malattia può diffondersi. Ha concluso che: “I cacciatori sono in una posizione unica per fare la differenza e determinare il risultato di queste battaglie nel bene o nel male in quanto possono contribuire ad aumentare o ridurre la diffusione della malattia: il loro ruolo è cruciale in questa battaglia”. Julia Klöckner, Ministro federale dell’alimentazione e dell’agricoltura, che ha partecipato alla conferenza per video, ha riconosciuto l’enorme minaccia della peste suina africana, in particolare per i grandi settori economici.

Ha aggiunto che il settore della caccia comprende la necessità di una cooperazione transfrontaliera e la necessità di misure efficaci di sensibilizzazione. Tra i relatori, sono intervenuti rappresentanti di istituzioni quali la Commissione europea, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, l’Organizzazione mondiale per la salute degli animali, gli esperti della comunità di caccia e del settore agricolo. Tutti hanno condiviso le loro conoscenze e hanno presentato le loro esperienze sulle migliori pratiche nell’eliminazione della peste suina africana. Attualmente sono in fase di finalizzazione le raccomandazioni che saranno promosse in tutta Europa. Hartwig Fischer, Presidente del Deutscher Jagdverband, e Karl-Heinz Florenz, Presidente dell’Intergruppo “Biodiversità, Caccia, Attività rurali” del Parlamento Europeo hanno anche dato il loro punto di vista sulla preparazione dei cacciatori europei per sradicare la peste suina africana.

5/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here