FIDC Piemonte: “La nostra difesa della caccia non si è mai addormentata”

L'associazione venatoria ha ricordato il proprio impegno relativo al DDL 182 appena licenziato in Consiglio Regionale.

0
Piemonte

Difesa della cacciaFedercaccia Piemonte ha ricordato come non abbia mai avuto bisogno di consigli o suggerimenti per difendere l’attività venatoria. L’attenzione dell’associazione è stata rivolta costantemente alle esigenze dei cacciatori, senza dimenticare la disponibilità a intraprendere le azioni giuste per far valere determinate ragioni. FIDC Piemonte ha rivendicato il proprio impegno nella produzione in tempo utile di osservazioni adeguate al DDL 182, testo normatico che è stato licenziato dalla Terza Commissione Consigliare della Regione.

La prima adunanza è terminata comunque con estrema delusione. Alcune circostanze hanno fatto desistere l’associazione da determinati propositi, inoltre la nota stampa è stata sfruttata per ricordare di non aver mai invitato nessuno a trattare con l’attuale maggioranza politica, una situazione che non si ripeterà neanche in futuro. L’associazione non abbasserà mai la guardia e continuerà a combattere con determinazione tramite iniziative precise.

La manifestazione di piazza non viene giudicata sufficiente a risolvere tutti i problemi, ma non ci sarà risentimento nei confronti di chi voglia intraprendere iniziative di stampo politico. La conclusione del comunicato è breve e concisa: “Prendiamo atto che il nostro punto di vista può risultare ostico, ma non certamente per colpa nostra. La saggezza è tanto nel silenzio quanto in una parola detta al momento giusto“.

1/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here