Gli animalisti invitano il Papa a scomunicare i preti cacciatori

L'AIDAA ha scritto una lettera al Santo Padre, sottolineando come l'attività venatoria sia in contrasto con i principi del Cristianesimo.

0
Ravenna

Preti cacciatoriUna nuova “crociata” per attirare attenzione: l’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) e soprattutto il suo presidente Lorenzo Croce tornano a far parlare di loro con una nota ufficiale che farà sicuramente discutere. Dopo la denuncia contro lo chef Carlo Cracco e un piccione cucinato durante la trasmissione televisiva Masterchef, stavolta l’associazione se l’è presa con i preti che praticano la caccia.

Secondo quanto riferito da questo comunicato, i sacerdoti preferiscono soprattutto la caccia al cinghiale e quella al fagiano, pur non disprezzando lepri e alcuni volatili. Inoltre, i preti cacciatori si troverebbero in gran misura in Piemonte, Veneto, Umbria, Toscana ed Emilia Romagna.

Secondo l’AIDAA, i fucili da caccia non sono uno strumento di pace e amore, di conseguenza è stata scritta una lettera rivolta niente di meno che a Papa Francesco per portarlo a conoscenza di questi preti e dei vescovi che “partecipano spesso e volentieri ai banchetti nelle canoniche a base di cadaveri di animali uccisi“. Croce ha invitato il Santo Padre a scomunicare i preti che praticano l’attività venatoria, spiegando come la caccia sia “in netto contrasto con i principi di amore dettati dal Cristianesimo”.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here