I cacciatori veneti e friulani chiedono più guardie per contrastare il bracconaggio

Lo spunto è venuto dopo l'individuazione di una banda che abbatteva ungulati per poi macellarli e venderli in modo illecito.

0
Regione Liguria

Cacciatori veneti e friulaniLe sezioni regionali del Veneto e del Friuli di Enalcaccia, Federcaccia e Arci Caccia hanno preso le distanze dai bracconieri dopo l’intervento degli agenti del NOAVA che hanno individuato una banda che abbatteva camosci, cervi e caprioli in Friuli Venezia Giulia per poi macellare e vendere la carne proprio in territorio veneto. Secondo le tre associazioni venatorie, questi comportamenti illeciti danneggiano l’immagine dei cacciatori.

L’inchiesta ha portato alle accuse nei confronti di sette persone. I cacciatori locali hanno lanciato l’allarme: il bracconaggio è purtroppo tornato di modo e il NOAVA ha a disposizione solamente due addetti per garantire la vigilanza. Servono persone da impiegare nelle ore notturne e che siano capaci di andare oltre i controlli burocratici. Secondo Arci Caccia: “Bisogna proseguire su questa strada anziché limitarsi a cercare solo gli errori burocratici, perchè limitandosi a verificare se nei moduli la crocetta è stata indicata nel modo giusto, si finisce per colpire gli onesti“.

Le condanne contro quello che hanno fatto i bracconieri tra Friuli e Veneto sono avvenute senza se e senza ma, nella speranza che questa indagine possa essere di esempio per condurne altre. Per Enalcaccia, infine, l’impegno è stato sempre improntato a garantire la caccia di selezione agli ungulati in alcune zone friulane, come avviene in Austria in base ai censimenti.

4.8/5 (5)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here