I dubbi della Confederazione Cacciatori Toscani sul foraggiamento dei cinghiali

La CCT teme che si voglia apertamente discriminare la caccia in braccata in favore di quella di selezione.

0
Abbattimento dei cinghiali

ForaggiamentoCome reso noto dalla CCT, la Regione Toscana ha appena approvato la delibera per il prelievo dei cinghiali nelle aree non vocate nel 2019. In particolare, l’associazione ha sottolineato la ripresa di un parere dell’ISPRA sul possibile foraggiamento degli ungulati durante la caccia di selezione. Nel paragrafo del provvedimento si legge come sia possibile il foraggiamento “attrattivo” dei selvatici per tutti e 12 i mesi, una opportunità concessa agli oltre 12mila selecacciatori toscani. La Confederazione non capisce perchè si mette sullo stesso piano la selezione e il controllo della specie: in effetti, i capi prelevati ogni anno sono quasi 100mila (stando alla Legge Obiettivo) e il 6-7% può essere ascritto al prelievo selettivo, mentre l’80% dipende dalla braccata e dalle squadre organizzate.

Se il foraggiamento a scopo contenitivo vale ed è ammissibile per la caccia di selezione, a maggior ragione, con parità di prescrizioni, dovrebbe valere per le squadre di caccia al cinghiale che attraverso la braccata svolgono un controllo quantitativamente maggiore della specie sul territorio regionale toscano. L’associazione ha ricordato come dal 2016 sia proibito foraggiare i cinghiali in tutta Italia durante la caccia. È vietata l’immissione di cinghiali su tutto il territorio nazionale, ad eccezione delle aziende faunistico-venatorie e delle aziende agri-turistico-venatorie adeguatamente recintate.

Alla violazione di tale divieto si applica la sanzione prevista dall’articolo 30, comma 1, lettera l), della legge 11 febbraio 1992, n. 157. È vietato il foraggiamento di cinghiali, ad esclusione di quello finalizzato alle attività di controllo. Alla violazione di tale divieto si applica la sanzione prevista dall’articolo 30, comma 1, lettera l), della citata legge n. 157 del 1992. Le attività di controllo, come noto a ISPRA e Regione Toscana, sono quelle previste dall’articolo 19 della Legge 157 del 1992 (art. 37 del recepimento della Regione Toscana) e non riguardano, l’attività venatoria come la caccia di selezione e la caccia in braccata. La CCT ritiene che ci sia un tentativo di discriminare la caccia in braccata favorendo la selezione, pertanto ha chiesto un incontro urgente per chiarire la situazione.

4.5/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here