Il TAR Lombardia boccia di nuova la caccia alla volpe nel Bresciano

Già un anno fa i giudici avevano detto no al piano di abbattimenti previsto dalla Regione Lombardia.

0
Caccia in battuta alla volpe

Caccia alla volpe nel BrescianoIl Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia ha accolto il ricorso di diverse associazioni animaliste e ambientaliste contro i piani di abbattimento delle volpi in provincia di Brescia. Si tratta di LAC, LIPU, ENPA e LAV che hanno ovviamente accolto con entusiasmo questa decisione. La richiesta di sospensiva di questa caccia era stata accolta anche lo scorso mese di agosto.

La Regione Lombardia aveva deciso di autorizzare un anno fa il prelievo, ricomprendendo nelle zone di interesse quelle nei pressi del Lago di Garda, tra i comuni di Salò, San Felice del Benaco e la Valtenesi, fino ad arrivare alle colline moreniche. La Regione aveva preso atto della crescita esponenziale e pericolosa delle volpi, quindi la caccia era stata “rispolverata” dopo ben otto anni dall’ultima volta.

L’intenzione era quella di coinvolgere 60 cacciatori, con qualifiche precise ed esperienza comprovata: inoltre era stato stabilito il coordinamento della Polizia Provinciale di Brescia, come avviene di consueto in questi casi. Non era stato comunque fissato un numero preciso di volpi da cacciare. Ora la Lega per l’Abolizione della Caccia (LAC) ha parlato di una vittoria della scienza e della legalità contro una “truffa ai danni della collettività”. Ora si attende un ulteriore riscontro da parte della Regione.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here