La Regione Umbria approva le nuove regole per gli Ambiti Territoriali di Caccia

I tre ATC (Perugia 1, Perugia 2 e Terni 3) avranno una gestione identica: prevista, tra l'altro, la figura del cacciatore "formato".

0
Lombardia

Ambiti Territoriali di CacciaLa giunta regionale dell’Umbria ha deciso di approvare il nuovo regolamento per la gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia. Le regole in vigore finora erano state introdotte nel 2008, quindi a distanza di dieci anni si cambia. Come spiegato dall’assessore regionale alla Caccia, Fernanda Cecchini, il provvedimento è la conseguenza del rientro alla Regione delle competenze provinciali in materia venatoria. Gli ATC umbri (Perugia 1, Perugia 2 e Terni 3) dovranno seguire le stesse linee di comportamento e la gestione programmata della caccia diventerà più efficace ed efficiente.

Ci sarà uno statuto unico per disciplinare diversi aspetti, senza dimentricare l’impiego del volontariato, il comitato di gestione e le modalità di consultazione. Proprio quest’ultima coinvolgerà non solo i cacciatori, ma anche gli agricoltori. Ovviamente le risorse economiche verranno gestite nel pieno rispetto della normativa. Ogni Ambito Territoriale di Caccia sarà gestito da un comitato composto fa venti membri: 16 di loro verranno nominati da ambientalisti, agricoltori e cacciatori, un altro dall’ANCI e tre dalla Regione.

Tra l’altro, è espressamente prevista la figura del cosiddetto “cacciatore formato”, dunque gli ATC prepareranno corsi e programmi per l’aggiornamento continuo. Ora si attende la consueta pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria, passaggio fondamentale prima della piena esecuzione e della concreta efficacia delle regole.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here