L’ACMA Marche ribadisce l’importanza della telemetria satellitare per le alzavole

L'Associazione Cacciatori Migratori Acquatici ha parlato dell'importanza dell'utilizzo dei dati scientifici nei prelievi.

0
Puglia

ACMA MarcheL’ACMA (Associazione Cacciatori Migratori Acquatici), settoriale della Federazione Italiana della Caccia, si è riunita a Monte San Vito (provincia di Ancona) per eleggere il nuovo delegato regionale. Graziano Federici, il delegato uscente, ha illustrato il lavoro di ricerca effettuato dalla stessa associazione, in particolare quello con telemetria satellitare sulla specie alzavola che permette di avere dati certi sulla migrazione di questo anatide.

L’iniziativa è nota da tempo e ha fatto registrare un apprezzamento dopo l’altro per quel che riguarda la sua utilità. Come sempre, questi dati vengono trasmessi all’ufficio ricerche scientifiche della Federcaccia e sono poi portati nelle varie commissioni al fine di legittimare i calendari venatori delle diverse regioni, non solo le Marche dunque. I delegati hanno riconfermato all’unanimità come delegato regionale Graziano Federici ed eletto il vice-delegato nella persona di Massimiliano Nociaro di Civitanova Marche ed il segretario Renato Venturi.

Erano presenti alla riunione, tra gli altri, il presidente della Federcaccia regionale delle Marche ed il vice-presidente, Paolo Antognoni e Nazzareno Galassi che, nei loro interventi, hanno ringraziato per il lavoro svolto dall’Acma marchigiana in difesa delle cacce tradizionali tramite l’utilizzo dei dati scientifici. Un più che apprezzato convivio ha concluso l’assemblea.

3.33/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here