Le accuse dell’Independent: “Italia autorizza uccisione 7,5 milioni di tortore”

FACE ha replicato all'editore del quotidiano britannico, accusato di aver pubblicato un pezzo pieno di errori.

0
Independent

IndependentFACE ha portato all’attenzione generale un articolo pubblicato dal quotidiano britannico The Independent in cui si fa riferimento all’Italia e alla tortora. Secondo l’associazione, il pezzo è pieno di errori e crea non poca confusione. Ecco il testo della lettera del presidente Torbjörn Larsson all’editore: “Il 27 aprile 2021, Joe Sommerlad di “The Independent” ha pubblicato un articolo fuorviante con citazioni diffamatorie contro la mia organizzazione: ‘L’Italia consente ai cacciatori di sparare a 7,5 milioni di tortore: questo accelererà il declino fino a quando non rimarranno più uccelli’.

L’articolo afferma che le associazioni di cacciatori in Italia “non hanno fatto nulla per fermare il declino” della Tortora. In realtà, niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Ogni anno, migliaia di ettari vengono gestiti attivamente per la Tortora dalla comunità di cacciatori, con un costo di centinaia di migliaia di euro dai fondi dei cacciatori. L’articolo afferma che in Italia vengono uccisi 7,5 milioni di tortore, ma un rapido controllo dei fatti mostra che vengono raccolti solo 135.000 uccelli. Inoltre, i dati più recenti dell’UE (governativi) mostrano che la popolazione riproduttiva di Tortora in Italia è stabile nel trend di breve termine e in aumento nel trend di lungo periodo. Le affermazioni “continuare a far saltare le ultime tortore dal cielo” o “sparare finché non rimane più nessun uccello” sono semplicemente sensazionali.

Un tale livello di inesattezza e disinformazione non dovrebbe essere tollerato da nessun giornale. L’articolo afferma correttamente che il Regno Unito non è riuscito a conservare la specie, ma l’Italia non è il Regno Unito. In effetti, le maggiori perdite di tortora si registrano in quei paesi senza caccia come Regno Unito, Germania, Belgio e Paesi Bassi, che hanno perso circa il 90% dei loro uccelli. Forse potresti riflettere sul motivo per cui il Regno Unito e altri paesi non cacciatori stanno fallendo così miseramente nel preservare la specie, prima di incolpare erroneamente i cacciatori italiani. Si può imparare molto dal controllo dei fatti, ma questi potrebbero non essere abbastanza sensazionali per i tuoi lettori? Vi esorto a ripubblicare questo articolo con queste inesattezze corrette e confido che pubblicherete questa lettera, che mette le cose in chiaro”.

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here