Le associazioni venatorie campane dicono no alle immissioni pronta caccia

Italcaccia, Arci Caccia, EPS e ANUU hanno contestato il programma dell'Ambito Territoriale di Caccia di Avellino.

0
Cacciatori Toscani

Pronta cacciaLe sezioni regionali della Campania dell’ANUUMigratoristi, Arci Caccia, Ente Produttori Selvaggina e Italcaccia hanno scritto alla Regione per parlare delle immissioni di selvaggina “pronta caccia”. Tutto è nato dal programma di ripopolamento dell’Ambito Territoriale di Caccia di Avellino in questo mese di settembre, proprio mentre il prelievo venatorio è aperto. Non è la prima volta che si parla dell’ATC avellinese.

Le associazioni hanno ricordato come la liberazione di selvaggina per la caccia e con la stagione venatoria in corso debba essere considerata estranea alle finalità del piano faunistico venatorio regionale valido fino al 2023. Le sedi regionali hanno anche ricordato l’impegno per l’eliminazione di tali immissioni, in modo da agevolare la conservazione della fauna selvatica e il suo utilizzo a fini sostenibili.

Le immissioni pronta caccia non vengono invece considerate una gestione sostenibile, ma semplicemente un “gioco”, ancora più inaccettabile in quanto dannoso nei confronti di un patrimonio collettivo. Le associazioni campane ritengono anche che l’assenza di alcuni selvatici sia dovuta a queste modalità, visto che non ci sono motivi ambientali in grado di giustificare una simile instabilità. La lettera si conclude con l’auspicio di una risoluzione rapida del problema.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here