Libera Caccia: “Finalmente un po’ di buon senso contro lo strapotere dell’ISPRA”

L'associazione venatoria ha espresso la propria opinione in merito alla bocciatura dell'emendamento sui pareri vincolanti.

0
ANLC

Libera CacciaDopo che, con un blitz politico di stampo prettamente ideologico, l’Istituto scientifico era stato sottratto alla vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri per essere trasferito alle “dipendenze” del Ministero dell’Ambiente, ora la Commissione Agricoltura della Camera, presieduta dal parlamentare eletto in Umbria, Filippo Gallinella (M5s), ha respinto l’emendamento presentato dall’onorevole Giusy Occhionero (Liberi e uguali) presentato nel disegno di legge “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea”.

Questa storica e coraggiosa presa di posizione – per la quale ringraziamo di cuore l’intera Commissione – rimette per così dire le cose a suo posto e il parere dell’Ispra (l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) non sarà vincolante per la formazione dei Calendari venatori da parte delle Regioni. Dopo aver fatto per anni il bello e soprattutto il cattivo tempo (il più delle volte senza avere, peraltro, la scorta di studi aggiornati e inoppugnabili), l’Ispra smette finalmente di essere la stampella “scientifica” di decisioni politiche prese sulla scorta delle solite lamentele ideologiche che se ne infischiano dei pareri espressi da autorevoli organismi scientifici sia nazionali che internazionali.

Ora, senza questo spauracchio che ha sempre fatto dilatare i tempi, spetterà alle Regioni, dopo aver elaborato un Piano faunistico venatorio rigoroso, mettere a punto calendari venatori che siano rispettosi delle reali esigenze faunistiche e ambientali e, di conseguenza, in grado di non offrire appigli alla consueta marea di ricorsi ai vari Tar da parte delle solite sigle anticaccia.

4.8/5 (25)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here