A Narbolia (OR) forti polemiche per il piano di abbattimento dei cinghiali

Le critiche principali hanno riguardato la scelta dei volontari e il mancato coinvolgimento del Comitato Faunistico prima dell'avvio dell'iniziativa.

0
caccia al cinghiale - emergenza cinghiali

Abbattimento dei cinghialiNarbolia, località sarda di 1800 abitanti che si trova al confine col Campidano di Oristano, è al centro di una serie di polemiche che riguardano l’abbattimento dei cinghiali. Il quotidiano La Nuova Sardegna ha spiegato cosa sta avvenendo nel paese isolano. La Provincia di Oristano ha varato e dato il via qualche settimana fa al piano che prevede una serie di battute di caccia per ridurre il numero complessivo degli ungulati, una minaccia sempre più urgente nei campi e non solo. Il problema è molto attuale in Sardegna come anche in altre regioni italiane, in questo caso però le critiche sono fortissime. Il giornale sardo ha ricordato come non si tratti di una novità assoluta, dato che ci sono stati già in passato degli abbattimenti controllati della specie che hanno evitato danni peggiori alle colture.

Inoltre, il numero eccessivo di cinghiali può rappresentare un problema dal punto di vista sanitario. Il piano della Provincia è stato pensato proprio per venire incontro agli agricoltori e per impedire che reti e supporti per l’elettrificazione fossero rovinati. In poche parole non si sta parlando di nulla di strano o insolito. La polemica principale che è stata avanzata ha a che fare con il presunto mancato avvertimento del Comitato Faunistico e delle associazioni. In aggiunta, la selezione dei cacciatori incaricati di abbattere gli ungulati sarebbe avvenuta senza aver prima convocato il gruppo intero di coadiuvatori, i quali sono chiamati in causa in situazioni come quella che si sta approfondendo.

L’Ufficio Caccia dell’amministrazione provinciale ha contattato la Guardia Forestale e ha poi deciso in maniera autonoma di far partire l’iniziativa, senza che i 45 volontari fosse interpellato. Dodici di queste persone sono state chiamate direttamente senza che ci fosse una selezione e sono state le uniche a partecipare le sedute di caccia. Secondo la stessa Provincia di Oristano, i volontari selezionati sarebbero persone di fiducia, ma le preferenze rispetto ad altre non sono state affatto gradite.

Tra l’altro, viene lamentato persino il fatto che non si sa ancora che fine abbiano fatto i cinghiali abbattuti fino a questo momento. In Sardegna si aggiunge dunque un nuovo argomento venatorio ricco di spunti dopo che le associazioni locali si sono riunite e hanno fatto chiaramente intendere come non ci sia bisogno degli Ambiti Territoriali di Caccia nell’isola. La polemica sui cinghiali sembra solamente all’inizio e non è chiaro come possano essere appianate le varie posizioni: molto probabilmente ci saranno degli aggiornamenti importanti già ad aprile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here