Niente licenza di caccia se non si forniscono le generalità alle guardie venatorie

Anche il Ministero dell'Interno si era espresso allo stesso modo: un cacciatore è stato giudicato inaffidabile per una vicenda risalente al 1990.

0
Metodi aggressivi

Licenza di cacciaIl Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio si è espresso in maniera definitiva sul caso di un uomo che diversi anni fa si era rifiutato di fornire le proprie generalità a una guardia venatoria volontaria. La vicenda risale al 1990, dunque quasi tre decenni fa: secondo i giudici, il comportamento del cacciatore è un motivo sufficiente per ritirare il porto d’armi. In pratica, la posizione del TAR è la stessa del Ministero dell’Interno, ma ci sarà anche un altro ricorso, l’ultimo in ordine temporale, nello specifico al Consiglio di Stato.

Il primo divieto è proprio quello di 27 anni fa, ma l’istanza del cacciatore è stata respinta nel 2007 e i giudici amministrativi hanno confermato le due impostazioni. Tra l’altro, l’uomo è stato condannato a sei mesi di reclusione e a pagare 200mila lire di ammenda a causa della lite con la guardia venatoria.

Il Tribunale laziale ha spiegato come non sia importante il fatto che siano trascorsi cinque anni senza altri delitti, circostanza che farebbe estinguere il reato. Il cacciatore è stato giudicato inaffidabile, dunque non può mantenere la licenza di caccia, tenendo anche conto del tipo di reati che sono stati contestati.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here