Ordinanza del Comune di Viadana (Mantova) per abbattere le nutrie anche di notte

In base al Piano Provinciale triennale di contenimento ed eradicazione della nutria, i cacciatori hanno la facoltà di entrare in azione da un’ora prima dell’alba.

0
Rovigo

ViadanaTroppe nutrie sul territorio comunale, così il sindaco facente funzione di Viadana (Mantova) Alessandro Cavallari decide che i cacciatori abilitati a sparare a questa specie nociva potranno farlo anche nelle ore notturne, cioè sino a mezzanotte. Il primo cittadino ha emanato un apposita ordinanza in cui si ricorda che, in base al Piano Provinciale triennale di contenimento ed eradicazione della nutria, i cacciatori hanno la facoltà di entrare in azione da un’ora prima dell’alba e sino ad un’ora dopo il tramonto, un lasso di tempo che viene ora ritenuto troppo esiguo, anche perché non tutti sono a disposizione di giorno quando si lavora e inoltre gli abbattimenti con arma da fuoco, dato il naturale comportamento del roditore, per lo più notturno, non consentono di incidere significativamente ed in modo duraturo sulla consistenza della popolazione.

Nell’ordinanza si specifica che la presenza delle tane e lo scavo di cunicoli nelle strutture arginali dei canali da parte delle nutrie costituiscono un grave rischio idraulico e pericolo per l’incolumità di cose e persone, che questi animali danneggiano le coltivazioni, infine che diverse segnalazioni da parte dei cittadini, degli operatori del settore agricolo e delle loro associazioni di rappresentanza indicano un’accresciuta presenza, nell’ultimo periodo, di nutrie sul territorio comunale, soprattutto nelle ore notturno. Da qui la necessità di autorizzare la caccia sino a mezzanotte, comunque non oltre le ore 24 e non prima delle 5, dove è più intensa la circolazione degli animali, estendendo l’orario previsto in precedenza.

Questa estensione sarà temporanea, in vigore sino al 18 maggio, e soggetta alla verifica da parte degli operatori o del responsabile dell’avvenuto sensibile incremento negli abbattimenti. Il Comune ha anche confermato il rimborso per gli operatori abilitati alla cattura e all’abbattimento della specie nociva, 2.5 euro a capo. Considerando che per il 2020 sono stati messi a bilancio 3.000 euro per questo capitolo di spesa, ci sono soldi per eliminare 1.200 nutrie (Laprovinciacr.it).

5/5 (6)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here