La Prefettura di Brescia spiega chi sono i volontari tedeschi anti-bracconaggio

L'Associazione Cacciatori Lombardi ha chiesto spiegazioni sull'operato dei CABS, presenti in diverse zone d'Italia.

0
CABS

Volontari tedeschi anti-bracconaggioA distanza di pochi giorni dalla prima presa di posizione, l’Associazione Cacciatori Lombardi è tornata a parlare dell’organizzazione CABS. La sigla identifica il Committee Against Bird Slaughter, cioè il comitato contro la mattanza degli uccelli, in pratica un’associazione anti-bracconaggio che ha sede in Germania. Nonostante i suoi rappresentanti siano tedeschi, sono stati visti intervenire nel Bresciano e nel Bergamasco, ma anche in altre parti d’Italia. ACL ha deciso di vederci chiaro e si è rivolta al Prefetto di Brescia per capire chi sono queste persone, i loro poteri e per conto di chi operano.

L’incontro è avvenuto nel corso della mattinata di ieri, martedì 8 novembre 2016. La Prefettura ha risposto a tutte le domande, precisando come non ci siano autorizzazioni speciali per i CABS: in realtà sono liberi cittadini comunitari e hanno il diritto di perlustrare boschi e pianure del nostro paese. Non sono comunque pubblici ufficiali e non possono neanche indagare in Italia. Il loro unico compito è quello di segnalare a chi di dovere il bracconaggio oppure i danneggiamenti ambientali.

Questi ambientalisti sono ormai attivi da anni e ACL sembra essere stata l’unica associazione a interessarsi del fatto. La stessa Prefettura lombarda diramerà nei prossimi giorni un comunicato ufficiale per spiegare ogni dettaglio. I Cacciatori Lombardi hanno confermato la loro contrarierà ai bracconieri, prendendo però le distanze da quelli che sembrano corpi paramilitari che si accaniscono anche contro i cacciatori onesti.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here