Provincia di Biella, i cacciatori-tutor pronti a intervenire sono 164

La nuova figura è stata introdotta per porre un freno al proliferare incontrollato dei cinghiali in questa zona.

0
Caccia al cinghiale nel Biellese

Cacciatori TutorDa qualche tempo nel Biellese si sta parlando dei cosiddetti “cacciatori-tutor”, soggetti che hanno scelto di prendere parte al piano di controllo dei cinghiali organizzato dalla Provincia piemontese. Il 5 febbraio è scaduto il termine per presentare le domande e ora sono stati analizzati con cura tutti i requisiti necessari. Il numero esatto di cacciatori pronti a intervenire è pari a 164, un livello che ha stupito lo stesso ente locale, per la precisione il Settore Caccia e Pesca.

Si tratta di un primo elenco di doppiette che verranno in soccorso dei proprietari terrieri e dei conduttori dei fondi. Sono note anche le associazioni agricole che hanno accettato di collaboryare per sottoscrivere gli accordi tra proprietari e cacciatori-tutor, dunque il quadro è praticamente completo. Bisogna sottolineare come questo piano non sarà risolutivo al 100%, ma viene considerato comunque il primo passo verso il freno al proliferare incontrollato degli ungulati.

Oltre ai danni che deve sopportare il settore agricolo, occorre fare i conti con gli incidenti che coinvolgono selvatici e autovetture, visto che gli animali spuntano all’improvviso sulle strade. Alla Provincia sono arrivate anche 15 richieste da parte dei proprietari dei fondi, in regola con tutte le normative che sono previste per legge e autorizzati dall’ente locale piemontese.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here