Regione Abruzzo, libero accesso alle aree cinofile per i cacciatori

Non bisognerà corrispondere nessuna quota, inoltre sono stati imposti dei limiti ai soggetti da introdurre.

0
Aree cinofile

Aree cinofileLa Regione Abruzzo ha deciso di dare libero accesso alle aree cinofile senza che i cacciatori corrispondano alcuna quota. Per questo motivo l’ingresso sarà gratuito e l’addestramento dei cani verrà consentito in due periodi distinti. Il primo va dal 1° febbraio al 15 aprile, da un’ora dopo l’alba fino alle 14: il secondo invece comincerà il prossimo 1° luglio e terminerà sette giorni prima dell’apertura della caccia alla selvaggina stanziale, da un’ora dopo l’alba fino alle 10:30 e dalle 16 alle 20.

L’addestramento, poi, sarà consentito per tre giorni fissi a settimana e solo i mercoledì, i sabati e le domeniche. La fruizione verrà consentita agli addestratori e ai cinofili con ogni tipo di cane da caccia (seguita, ferma, cerca e traccia). Sarà ovviamente importante l’iscrizione regolare all’anagrafe canina. Ogni 50 ettari saranno ammessi non più di 4 segugi, mentre il numero salirà a 5 per i cani da ferma e da cerca (mantenendo la stessa estensione).

Ogni conduttore avrà l’opportunità di potare con sè al massimo due cani da ferma o 4 da seguita. Tra l’altro, nell’area cinofila è vietato usare le armi da fuoco e di ogni altro strumento per la cattura degli animali. Infine, si farà riferimento alle disposizioni previste dalle leggi in vigore per ogni argomento non espressamente contemplato.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here