Provincia di Trento, nuova disciplina per il controllo dei cinghiali: più libertà per i cacciatori

Le novità riguardano la semplificazione delle procedure amministrative, il potenziamento dei controllori, una nuova zonizzazione.

0
Controllo dei cinghiali

Controllo dei cinghialiLa Provincia di Trento ha deciso di disciplinare il controllo dei cinghiali in questa zona in maniera ancora più ferrea. L’obiettivo è ovviamente quello di ridurre il numero di ungulati. Come ha precisato Giulia Zanotelli, assessore provinciale all’Agricoltura e Caccia: “Non solo orsi e lupi rendono la vita difficile ad allevatori e agricoltori, ci sono anche i cinghiali ai quali è ‘dedicata’ la nuova disciplina finalizzata al loro controllo approvata stamane dalla Giunta.

La nuova disciplina è frutto di un lavoro congiunto che ha coinvolto sia la componente agricola, tramite i sindacati, sia la componente dei cacciatori, tramite l’ente gestore della caccia nelle riserve. Con questa nuova disciplina, che non ha registrato osservazioni critiche da parte dell’Ispra, mettiamo a disposizione nuovi ed ulteriori strumenti per rendere ancora più efficace l’azione di controllo nei confronti del cinghiale che, localmente, produce danni davvero pesanti per l’agricoltura del nostro territorio.

Facciamo appello, a questo punto, al senso di responsabilità di tutte le componenti, con l’obiettivo di riuscire a limitare al massimo la diffusione della specie e contenerne le dinamiche evolutive”. Le novità riguardano la semplificazione delle procedure amministrative, il potenziamento dei controllori, una nuova zonizzazione e maggiori libertà per i cacciatori.

5/5 (4)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here