Ricorso di LIPU, WWF, ENPA, LAV e LAC contro il calendario venatorio toscano

La notizia è appena trapelata e, in attesa di ulteriori dettagli e conferme, la Confederazione Cacciatori Toscani ha promesso battaglia.

0
Arci Caccia Toscana

Calendario venatorio toscanoÈ di queste ore la notizia che è stato presentato da parte di alcune associazioni ambientaliste ed animaliste il ricorso al TAR contro la Regione Toscana per l’annullamento previa sospensione di alcune parti del calendario venatorio regionale 2018-2019. Secondo quanto riferito dalla CCT, il ricorso sembra essere stato presentato da LIPU, WWF, ENPA, LAV e LAC. Alla Regione vengono contestate le presunte violazioni sull’applicazione della delibera 963 che riguarda la pre-apertura della caccia, in particolare il periodo temporale del prelievo delle specie.

Altre contestazioni sono quelle relative all’annotazione sul tesserino venatorio dopo l’abbattimento e il computo delle giornate di caccia in selezione con altre forme venatorie. In attesa di conoscere altri dettagli sul provvedimento, la CCT ha voluto rilevare come ancora una volta stia continuando il lavoro incessante e sistematico del mondo animal-ambientalista contro i calendari venatori italiani, ma soprattutto contro la certezza del diritto dei cacciatori.

Marco Romagnoli, segretario della Confederazione Cacciatori Toscani, ha così commentato: “Chiederemo quanto prima un approfondimento di merito all’Assessorato e saremo impegnati attentamente a seguire l’evoluzione di questa ennesima iniziativa contro la caccia”. Quel che è certo è che non mancherà ogni nostro contributo a supporto della validità e correttezza di un calendario venatorio fortemente ancorato alle indicazioni scientifiche che avvalorano il rispetto delle Direttive e la conservazione delle specie oggetto di prelievo.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here