Senatore Carrara: Lobby anticaccia, qualcosa si muove..

0
A seguito delle notizie apparse su agenzie di stampa e siti internet riguardo alle rispettive perplessità, il senatore Carrara, pur nel rispetto delle reciproche opinioni, ribadisce l’assoluta liceità e fondatezza giuridica e normativa delle sue affermazioni contenute nella lettera aperta  inviata ai parlamentari di Camera e Senato.

Puntualmente come un orologio svizzero arrivano le dichiarazioni che prefigurano sfaceli, iatture e chi più ne ha più ne metta, ogni qualvolta in Parlamento venga trattato l’argomento caccia.   Quotidiani nazionali, radio e televisioni vengono inondati da comunicazioni inviate da associazioni ambientaliste, animaliste e anticaccia del tipo “caccia no limits” e assimilabili.


Scopo evidente è quello di creare nell’opinione pubblica ed in Parlamento una fazione trasversale che ostacoli l’armonizzazione della legge 157/92  e che ostacoli la legiferazione delle Regioni interessate al prelievo in deroga. Gli argomenti sono più o meno sempre gli stessi: multe, sanzioni dall’Unione Europea. In realtà fino ad ora nessuna sanzione è stata comminata nei confronti del nostro paese.

E’ invece da rilevare soprattutto per quanto riguarda le deroghe, che numerosi paesi d’Europa si avvalgono di questa facoltà che deriva dalla Direttiva Cee 409/79 e che quindi è del tutto legale sotto tutti gli aspetti. Semmai ci si può interrogare per migliorare da parte delle regioni stesse la legiferazione in deroga.

E’ di questi giorni la costituzione di un Comitato Tecnico Scientifico istituito alla regione Lombardia al fine di trovare un percorso condiviso che non trovi ostacoli presso la Unione Europea impedendo così alle forze animaliste anticaccia di poterlo impugnare.
Questa via è condivisibile e ci si auspica che una volta per tutte si ponga fine a questo polverone che viene sollevato ogni qualvolta si voglia mettere mano sulla caccia.
E’ stato così in occasione della bozza Orsi in Senato quando si prevedeva la possibilità della licenza di caccia a 16 anni e si  prevedeva altresì un miglioramento dell’attuale normativa ormai obsoleta.
“Comunque, l’alzata di scudi da parte dei soliti giornalisti di Repubblica, il Corriere della Sera, la Stampa, il Giornale, la Gazzetta dello Sport e di noti giornalisti televisivi, ha creato una sorta di catena di Sant’Antonio e sparato a zero sulla nostra fazione venatoria, evitando il contraddittorio. Non perdiamoci d’animo – dichiara il Senatore Valerio Carrara (Pdl) – Queste campagne denigratorie avranno sicuramente un merito: quello di far sì che tutta la base dei cacciatori faccia quadrato, si unisca e si compatti a difesa della propria passione. Io come sempre sarò al loro fianco”.
Ufficio Stampa
Senatore Valerio Carrara (Pdl)

—  COME RICEVUTO PUBBLICATO  —

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here