Shothunt una valida soluzione per sparare preservando l’udito

Abbiamo avuto modo di provare i tappi auricolari della Shothunt con risultati decisamente appaganti grazie alla tecnologia insita in tali minuscoli apparecchi.

0
Shothunt - La confezione così come viene proposta al pubblico
La confezione così come viene proposta al pubblico

Già da parecchi mesi abbiamo in uso una coppia di tappi auricolari della Shothunt che vanta come logo pubblicitario “The Decibel Hunter” e quale azienda costruttrice la Euro Sonit srl di Milano. Il problema della protezione dell’udito viene talvolta presa in considerazione con notevole ritardo, quando i danni sono già manifesti, ma come si suol dire, non è mai troppo tardi. Dopo un accurato esame audiometrico sono stati preparati i tappi consegnati in un’elegante confezione comprendente il bauletto e i fogli di garanzia con il libretto di uso e manutenzione: all’interno è situato il contenitore tascabile dotato dei due apparecchi e di una scorta del materiale d’uso come le pile di alimentazione.

Il primo particolare da scegliere è la coppia dei gommini in materiale morbido da inserire sui due auricolari: tre sono le misure disponibili per posizionarsi al meglio in ogni orecchio. Segue l’inserimento delle pile negli appositi vani dotati di sportellino con chiusura a scatto: nei tempi in cui non si usano gli apparecchi è bene aprire questi sportellini togliendo così le pile dal contatto. L’accensione passa dunque dalla chiusura degli sportellini e dalla rotazione del potenziometro: un fischio assicura sull’attivazione. Sistemati i tappi nei canali auricolari si ruota il registro fino a individuare la posizione in cui il volume di ascolto della voce sia di proprio gradimento.

tappi auricolari Shothunt
Primo piano di uno dei due tappi Shothunt dove si nota lo sportellino aperto e la pila staccata dai contatti: per iniziare l’uso si chiude questo sportellino girando poi la rotellina arancione per regolare l’intensità del suono

In tale configurazione si avrà una migliore percezione della voce umana, non solo quanto a sonorità, ma soprattutto quanto a chiarezza del parlato: la frase “sento le voci, ma non capisco le parole” è di uso comune fra coloro che soffrono di ipoacusie dovute a ereditarietà cui si unisce sovente la sofferenza per lesioni interne dovute alle alte frequenze sopportate, come ad esempi gli spari delle armi da fuoco o la permanenza in locali dove si svolgono lavori con forte emissione di decibel.

Shothunt - L’interno del contenitore con i due apparecchi quasi pronti all’uso
L’interno del contenitore con i due apparecchi quasi pronti all’uso

Le caratteristiche di questi auricolari comprendono l’alta definizione del suono trasmesso, il segnale massimo di 32 dB, 20 dB di guadagno nella percezione uditiva, il blocco automatico di suoni che oltrepassino gli 82 dB, il disegno e la manifattura eseguiti in Italia.

Il marchio CE EN 352-2-2002 – EN 352-7-2002 assicura sulla qualità in opera.

L’azienda costruttrice è la Euro Sonit srl, via Principe Eugenio 13, 20155 Milano

Tel. +39 0233101657 – Fax +39 0233103372 – www.shothunt.comwww.eurosonit.com

info@shothunt.com

 

Shothunt - Il contenitore tascabile della coppia di auricolari, molto pratico quando si viaggia
Il contenitore tascabile della coppia di auricolari, molto pratico quando si viaggia
Shothunt - All’interno del bauletto c’è spazio per il contenitore di pile in modo da non restare mai in condizioni critiche
All’interno del bauletto c’è spazio per il contenitore di pile in modo da non restare mai in condizioni critiche

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here