Zone umide e zanzare, a Ravenna una serata dedicata a cacciatori e agricoltori

Giovedì 23 maggio, alle 20,30 nella Sala Buzzi di viale Berlinguer 11 a Ravenna, si terrà una serata informativa.

1
Zone umide e zanzare

Zone umide e zanzareGiovedì 23 maggio, alle 20,30 nella Sala Buzzi di viale Berlinguer 11 a Ravenna, si terrà una serata informativa sulle modalità con cui prevenire il rischio sanitario da West Nile Virus, cosiddetta febbre del Nilo. Tra i modi suggeriti anche la possibilità di introdurre un pesche ghiotto di larve di zanzare: il gambusie che può essere un’alternativa al larvicida. Le zone umide, i chiari da caccia e le aree periodicamente allagate sono molto diffuse sul territorio della provincia di Ravenna e possono costituire focolai particolarmente attivi per lo sviluppo e la proliferazione della zanzara del genere Culex, responsabile della trasmissione del virus West Nile. Per questa ragione è necessario garantire una gestione efficace di queste aree.

L’incontro di giovedì è rivolto ad agricoltori, cacciatori e gestori dei cani da caccia per approfondire il tema e sottolineare l’importanza e la necessità del trattamento periodico delle aree allagate, come sistema di prevenzione delle malattie trasmesse da insetti vettori, nonché sulle corrette pratiche da adottare. Interverranno funzionari della Regione Emilia-Romagna – Servizio Agricoltura, Caccia e Pesca, dei Comuni della provincia di Ravenna e dell’Ausl della Romagna e tecnici di Azimut e Sireb.

In occasione della serata saranno presentate le “Linee guida per la gestione ed il trattamento delle aree periodicamente allagate” elaborate da Azimut e Sireb, le aziende che si occupano dei servizi di disinfestazione sul territorio provinciale, nelle quali saranno spiegate cosa e come fare per limitare la proliferazione delle zanzare (prodotti, quantità, frequenze, metodi ecologici). La Regione, l’Ausl e i Comuni della provincia, nell’ambito di un Piano di lotta integrata per la lotta alla zanzara, stanno conducendo una serie di attività volte alla riduzione del rischio di malattie infettive trasmissibili all’uomo attraverso la puntura di insetti vettori.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

1 COMMENTO

  1. Un tempo non molto lontano gli agricoltori quando piantavano il riso,usavano immettere del novellame di carpe che mangiavano le larve elle zanzare e quandoquesti veniva tagliato avevano anche del pesce da mangiare!
    Oggi che i campo di riso per risparmiare acqua vengono livelati con il laser non esiste più questa utile e antica pratica!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here