Accordo tra Federparchi ed ENCI per utilizzare i cani nel monitoraggio ambientale

L’obiettivo dell’intesa è quello di mitigare i danni e i conflitti tra grandi predatori e le attività produttive dell’uomo.

0
ENCI

ENCIPromuovere l’utilizzo di cani specializzati per azioni mirate alla conservazione della natura e al monitoraggio ambientale, è questo lo scopo del protocollo di collaborazione siglato da Federparchi e l’ENCI, Ente Nazionale della Cinofilia Italiana. Il protocollo è un impegno per sviluppare azioni comuni all’interno delle aree protette con il supporto di cani abilitati ed addestrati. L’obiettivo dell’intesa è quello di mitigare i danni e i conflitti tra grandi predatori e le attività produttive dell’uomo, a partire dall’allevamento e dall’agricoltura nelle aree protette, con un’attenzione particolare per l’utilizzo di cani da difesa per gli allevamenti che non siano aggressivi verso i turisti.

Federparchi ed ENCI intendono favorire l’utilizzo di cani addestrati per attività di monitoraggio su specie selvatiche e piante, per progetti di ricerca scientifica e al fine di partecipare ad azioni di tutela ambientale, d’interesse gestionale e/o conservazionistico nei parchi. A tale scopo si sottolinea l’utilità di tre tipologie di unità cinofile utilizzabili nel settore della natura e del monitoraggio ambientale: i cani da pista, i cani da traccia e i cani da rilevamento. Federparchi ed ENCI si propongono di sviluppare attività di formazione delle rispettive figure professionali e tecniche; promuovere attività informative e di educazione e ricerca scientifica; sviluppare progetti e ricerche che prevedano l’utilizzo di cani specializzati nei settori della conservazione della natura e del monitoraggio ambientale.

I due firmatari si impegnano, inoltre, a realizzare attività informative verso i gestori e il personale delle aree protette nonché verso gli agricoltori che operano al loro interno, al fine di aumentare la consapevolezza sui benefici dell’utilizzo di cani da guardiania e sulle potenzialità dell’uso di cani specializzati. Il protocollo prevede anche la realizzazione di report sulle attività svolte e di incontri e convegni pubblici sui temi oggetto dell’intesa che siano aperti ai vari settori della società a tutti i livelli: nazionale, regionale, provinciale e territoriale.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here