Caccia agli acquatici, novità importanti dall’UE sui richiami vivi

La nuova decisione europea prevede un divieto di utilizzo soltanto in presenza di una situazione epidemiologica critica.

0
Caccia agli acquatici

Caccia agli acquaticiLa nuova decisione europea sulle misure relative all’influenza aviaria è stata appena resa pubblica e prevede una serie di indicazioni per quel che riguarda l’uso dei richiami vivi. Rispetto alle versioni diffuse in passato, stavolta i richiami stessi non sono vietati in modo assoluto dall’Ue. Questo vuol dire che possono essere utilizzati tranquillamente in tutto il territorio italiano. I divieti, comunque, potranno essere nuovamente decisi in caso di alto rischio. Finora i richiami vivi erano consentiti solamente dopo la concessione di una deroga da parte dello stato membro, mentre adesso le cose sono cambiate.

I divieti devono subentrare in seguito a una situazione epidemiologica critica, una differenza che per la Federcaccia è sostanziale. L’ACMA e l’Ufficio Avifauna Migratoria della FIDC hanno scritto al Ministero della Salute per alcune richieste. Anzitutto, l’obiettivo è quello di avere una nota che chiarisca l’utilizzo dei richiami prima dell’inizio della stagione venatoria.

Inoltre, si dovrebbe mantenere l’obbligo di tracciabilità per quel che riguarda gli individui, come avvenuto con le deroghe. Infine, è stata suggerita l’istituzione di un tavolo di lavoro per approfondire tutti questi argomenti: il mondo venatorio sarà quindi determinante e fornirà così il suo contributo alla discussione sulla gestione in caso di nuovi focolai.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here