Caccia agli acquatici, nuovi limiti all’uso dei richiami vivi per frenare l’influenza aviaria

Il Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo dispositivo, parlando di un aumento delle zone a rischio contagio.

0
Richiami per acquatici

Caccia agli acquaticiNel corso della mattina odierna, martedì 31 ottobre 2017, il Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo documento per modificare il dispositivo attualmente in vigore sui richiami vivi nell’ambito della caccia agli acquatici. Secondo quanto stabilito dal dicastero, i richiami potranno essere nuovamente usati, seguendo le regole già note e all’interno delle regioni che non sono segnalate nell’allegato IV.

Purtroppo è stato accertato l’aumento delle zone a rischio per quel che riguarda la diffusione dell’influenza aviaria rispetto a quanto era noto lo scorso 30 marzo, momento in cui ci fu l’identicazione delle aree infette. Alcune regioni italiane comprese in precedenza soltanto in parte sono ora comprese totalmente nelle aree sottoposte a divieto. Si sta parlando della Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Lazio e Friuli Venezia Giulia, oltre a Umbria e Veneto, entrambe già inserite in maniera totale.

La Federcaccia Italiana della Caccia ha commentato negativamente questa novità, trovando difficile condividere le linee guida che hanno portato ai nuovi limiti: l’associazione venatoria chiederà un chiarimento a tal proposito, oltre a una modifica del provvedimento, in modo che non abbia conseguenze per i cacciatori e tuteli l’interesse della salute pubblica.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here