Caccia, nel Lazio niente preapertura. Cavaliere Casasole: “Comportamento discriminatorio”

“Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ci regala una non-preapertura venatoria”. Questa l’amara constatazione del Cavaliere Pietro Casasole, responsabile aquesiano dell’Associazione Venatoria Caccia-Sviluppo-Territorio...

0
Regione Lazio
Il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti
Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti

“Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ci regala una non-preapertura venatoria”. Questa l’amara constatazione del Cavaliere Pietro Casasole, responsabile aquesiano dell’Associazione Venatoria Caccia-Sviluppo-Territorio. “Esprimo il mio dissenso”, sottolinea, “e tutto quello dei cacciatori iscritti alla mia Associazione, per il comportamento discriminatorio nei confronti dei cacciatori laziali. In quanto ulteriormente penalizzati rispetto a quelli delle altre Regioni. Siamo infatti l’unica Regione dove non c’è la preapertura. Chissà se il Presidente Zingaretti e l’Assessore all’Agricoltura e Caccia Onorevole Enrica Onorati vista la disparità di trattamento ritengono utile applicare degli sconti sulla tassa regionale ? Anche se non c’è stata comunicazione del genere.

Visto che come tutti gli altri cacciatori (compresi quelli che beneficiano della preapertura), paghiamo una tassa per avere il tesserino venatorio di € 173,16 e € 32,65 ex provinciale ed, infine, di € 25 per l’ambito territoriale di caccia ATC. Chissà come giustificano i Presidenti regionali delle Associazioni venatorie Federali e quelle delle altre ATC tale comportamento ? Visto che anche loro facevano parte del tavolo di trattazione calendario venatorio regionale reso noto il 19 Luglio ed ancora si sono fatte ambasciatrici di qualcosa di concreto (unica voce quelle del Presidente Arcicaccia laziale con una lettera del 7 Agosto dal carattere molto politico).

Visto che alla nostra Associazione interessa solo tutelare chi ogni anno ci paga la tessera assicurativa, vorrei ricordare al Presidente regionale Federcaccia che in una nota del 13 Febbraio 2018 si predicava che nel calendario venatorio regionale sarebbe stata inserita la novità del colombaccio in preapertura. Solo una sorta di ex propaganda elettorale.
Anche se le frottole si dimenticano ma i fatti restano. Amara constatazione, il fatto che la politica regionale ha trovato nella gestione dell’attività venatoria terreno facile. Con dilettanti allo sbaraglio.

Pertanto sia il Presidente che l’Assessore regionale dovrebbero adeguarsi alle regioni limitrofe. Con un giorni di preapaertura (compreso colombaccio e tortora) Sabato 2 Settembre, oppure Domenica 3 per l’intera giornata come fanno in Umbria, Toscana e Marche. Con inoltre in apertura generale il 16 Settembre compreso il colombaccio. Nel rammentare, infine, che questo è come le Associazioni Venatorie Federali e le Atc pensano e trattano che annualmente paga le loro tessere, dobbiamo combattere uniti questa sorta di “caccia al portafoglio”.

Fonte: Orvietosi.it

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here