Caccia. TAR Calabria rigetta ricorso presentato da WWF e LIPU

Anticipando di un mese la data prevista per la discussione, il TAR Calabria si è pronunciato sull’ennesimo ricorso anticaccia.

0
Rilascio

CalabriaAnticipando di un mese la data prevista per la discussione, il TAR Calabria si è pronunciato sull’ennesimo ricorso anticaccia non ravvisando motivi di accoglimento.  È quindi con soddisfazione che abbiamo preso atto della decisione del Tar che ha rigettato le ragioni degli anticaccia, fatta salva l’eccezione sollevata per la ZPS IT9310301 Sila Grande, che non è stata oggetto di VINCA in quanto erroneamente ritenuta integralmente ricadente nell’area del Parco Nazionale della Sila.

Il Tar ha quindi stabilito in via cautelare di sospendere la caccia in alcune aree di tale ZPS. Federcaccia Calabria ha già richiesto un incontro con gli Uffici competenti per affrontare il tema del recupero del calendario della stagione corrente e la definizione delle linee di azione per il prossimo anno che, ripeto, non possono essere quelle dei Decreti VINCA attuali.

Adesso invitiamo la Regione a produrre la Delibera di Giunta per consentire la caccia al cinghiale fino al 31 gennaio che ha già avuto il positivo parere Ispra e la sollecitiamo a presentare richiesta all’Istituto per il recupero dei tempi di caccia al colombaccio e alle altre specie al 10 febbraio, così come proposto nel documento del 16 novembre scorso

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here