Cinghiali sempre più vicini ai vigneti, battute di caccia al via

0

Che sia un’emergenza l’abbiamo detto tante volte. I cinghiali, anche in media Valcamonica, devastano il territorio e sono arrivati ormai alle porte degli abitati, a Cimbergo, Braone, Niardo e limitrofi. Prati, pascoli e orti vengono «arati» e messi sottosopra talmente in profondità che, in alcuni casi, è impossibile ripristinare la situazione. Il problema ora è che questi animali sono passati anche sull’altro versante della vallata, ai piedi della Concarena, dove sul fondovalle ci sono i vigneti. Per ora pare che si mantengano in quota, ma – visto quanto successo sull’altro versante – è probabile che si portino anche a basse quote. Devastando – questo è il terrore – le piante dove si coltivano le uve rosse e bianche dalle quali derivano i vini Igt della Valle. E, ogni stagione che passa, la situazione peggiora.

Per questo i sindaci della zona hanno scritto una lettera alla Provincia, per chiedere d’intervenire. Il risultato è che dal 20 agosto partiranno una serie di battute di caccia, sistematiche e ben organizzate, per abbattere un buon numero di capi e provare a contenerne la diffusione.

«Sono diventate tantissime le persone che vengono nei Comuni per segnalare la presenza e i danni – riferisce il sindaco Marzia Romano -: faremo varie battute a sorpresa, contiamo di riuscire a diminuirne la presenza prima che le femmine si riproducano. Speriamo che siano efficaci, altrimenti faremo qualcosa di più forte».

La scorsa primavera è stata da «bollino rosso» nella zona di Braone e Cimbergo, poi le cose si sono calmate per il gran caldo (i cinghiali non amano circolare con temperature elevate). Ma sono nel frattempo fioccate decine di richieste di risarcimento. Gli animali sono arrivati a un centinaio di metri da Braone, in linea d’aria a cinquanta metri dalle prime case, anche se non ci sono mai stati episodi negativi con le persone. «Stanno distruggendo il nostro territorio – dichiara il primo cittadino di Braone Gabriele Prandini -: le località Scalassone e Piazze sono come campi di patate. E pare che nessuno voglia davvero risolvere il problema».

Di GDB

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here