Comitato Caccia e Natura: “La gestione della fauna selvatica è ostaggio di prediudizi animalisti”

L'associazione ha fatto riferimento al ritiro dei due emendamenti da parte del Partito Democratico su pressione dei Verdi.

0
Fauna selvatica

Fauna selvaticaIl Comitato Nazionale Caccia e Natura è intervenuto in merito ai pregiudizi ideologici degli animalisti che stanno mettendo a dura prova la gestione della fauna selvatica. L’ultimo esempio citato da CNCN è il ritiro dei due emendamenti da parte del Partito Democratico in merito al controllo delle specie aliene. Le norme servivano a trovare soluzioni adeguate per i conflitti della gestione della fauna e del territorio, oltre al contenimento dei danni al settore agricolo.

Il Comitato ritiene che il metodo iniziale era quello corretto, cioè una gestione territoriale da parte degli enti preposti, con i cacciatori nella “veste” di risorsa gratuita e chiamata a svolgere un ruolo significativo per i territori italiani. Tra i conflitti da risolvere a tutti i costi c’è, sempre secondo l’associazione, la crescita senza freni degli ungulati e di altri selvatici che abbandonano i boschi per avvicinarsi ai centri abitati.

Nel comunicato si legge anche come il ritiro degli emendamenti sia uno svilimento delle proposte di modifica sulla gestione faunistica, basata su metodi razionali e scientifici. L’augurio di CNCN è che la deriva animalista non privi il nostro paese delle norme corrette per regolare una materia tanto preziosa. Non si può attendere altro tempo.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here