Controllo del cinghiale, i cacciatori toscani vorrebbero imitare il modello di Alessandria

La gestione della provincia piemontese è stata presa come punto di riferimento dalla CCT per migliorare la Legge Obiettivo.

0
Controllo del cinghiale

Controllo del cinghialeLa Confederazione Cacciatori Toscani si è detta sorpresa e meravigliata per il decreto della Provincia di Alessandria che prevede il controllo del cinghiale nel territorio di competenza. Nel provvedimento si parla del coinvolgimento di “soggetti attuatori”: inoltre, la Provincia è stata individuata come ente locale competente per la gestione degli istituti faunistici e l’attuazione degli interventi nel territorio venabile.

Gli stessi soggetti citati nel testo sono responsabili del rispetto della normativa sulla sicurezza. In tutto il decreto non si parla mai di “caccia”, lasciata con tutta probabilità (secondo l’interpretazione della CCT) nella norma ordinaria del calendario venatorio. L’associazione considera tutto questo “musica per le proprie orecchie”, anche perchè si tratta delle stesse cose ripetute da mesi alla Regione Toscana, soluzioni che farebbero cambiare marcia alla Legge Obiettivo.

La norma funzionerebbe con un controllo piuttosto che con la caccia e con la libertà di azione e intervento con procedure più snelle. La CCT si è chiesta perchè tutto questo avvenga in Piemonte e non in Toscana: le difficoltà regionali sono simili, ma le scelte intraprese sono molto diverse. L’associazione ha chiesto un cambio di rotta, nella consapevolezza dell’impossibilità di usare una bacchetta magica. I segnali percepiti finora, comunque, non fanno ben sperare i cacciatori toscani.

2.5/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here