Enalcaccia Arezzo, richiesta caccia in deroga per Piccione e Storno

0

Sciame di Storni - Sturnus VulgarisEnalcaccia Arezzo chiede all’Amministrazione provinciale interventi straordinari di caccia in deroga per le specie Piccione e Storno per prevenire danni alle produzioni agricole.

L’associazione venatoria Enalcaccia di Arezzo chiede, con una propria lettera all’Amministrazione Provinciale aretina, l’attuazione di misure straordinarie volte ad aprire la caccia in deroga alle specie Storno e Piccione. Di seguito la lettera di Enalcaccia:

Egr. Presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai
Egr. Comandante del Corpo di Polizia Provinciale Arezzo Dr. Gabriele Chianucci

Oggetto: richiesta provvedimento interventi ordinari sullo storno e sul colombo di città.

Egregio Presidente, egregio Comandante,

Nella riunione svolta presso Codesta Provincia lo scorso luglio con le aa.vv. provinciali e le organizzazioni agricole provinciali, furono esternate, da parte del Segretario Generale Chianucci, le difficoltà nell’ autorizzare gli interventi ordinari sullo storno e sul colombo torraiolo, per la stagione venatoria 2014/15. Comprendiamo tali difficoltà che, come illustratoci, si riconducono ad una questione di particolare responsabilità nel prevedere la specifica autorizzazione , alla luce del fatto che la Regione Toscana non ha previsto la deroga sul prelievo dello storno e sul colombo di città nel territorio aretino; tutto ciò, causa i limitati danni accertati provocati alle produzioni agricole dalle specie in argomento e i consistenti abbattimenti effettuati nel corso del 2013 nel territorio aretino.

Non condividiamo la scelta adottata dalla Regione Toscana in merito alle deroghe nel ns. territorio, anche perché, così facendo, oltre a vanificare il lavoro condotto seriamente da tutte le parti interessate in questi anni, si mette in difficoltà la Provincia di Arezzo nel prevedere gli interventi ordinari di cui art. 37 LRT 3.94, interventi che hanno dato risposte concrete al territorio, dando soddisfazione ai cacciatori e riducendo ai minimi termini i danni alle produzioni agricole, causati da storno e colombo di città.

Premesso che la scrivente associazione si è attivata con la Regione Toscana affinchè sia rivisto quanto contenuto nella delibera di Giunta Regionale n. 586/14, tanto da prevedere ll prelievo in deroga nel territorio aretino sulle specie di cui all’oggetto per la stagione venatoria 2014, con la presente siamo a richiedere a Codesta Amministrazione Provinciale di autorizzare gli interventi ordinari di cui all’ art. 37 LRT 3.94 su storno e colombo di città per la stessa stagione.

Cordiali saluti,

Il presidente provinciale
Iacopo Piantini

( 10 settembre 2014 )

Enalcaccia

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here