Federcaccia Piemonte risponde a due articoli de La Stampa su ATC e Comprensori

L'associazione venatoria ha criticato due pezzi del giornale torinese che ha approfondito la "razionalizzazione" di Ambiti e Comprensori.

0
FIDC Piemonte

Federcaccia PiemonteLa sezione regionale del Piemonte della Federazione Italiana della Caccia è intervenuta con una nota ufficiale per commentare due articoli apparsi nel giro di tre giorni su La Stampa. Si tratta di pezzi giornalistici dedicati alla caccia e alla “razionalizzazione” degli Ambiti Territoriali di Caccia e i Comprensori Alpini piemontesi. Questo provvedimento, fortemente voluto dall’assessore Ferrero, è osteggiato proprio dall’associazione venatoria, tanto che è stato presentato un ricorso al TAR. Federcaccia Piemonte ha riscontrato diverse inesattezze nel giornale piemontese.

Anzitutto, in un articolo si parla del TAR che avrebbe “preso a schiaffoni” le associazioni venatorie, circostanza che non corrisponde al vero, visto che la definizione sarebbe più appropriata per la Regione. C’è poi la precisazione in merito al milione e mezzo di euro stanziato dal Piemonte per i danni da cinghiale, soldi che provengono totalmente dai cacciatori.

All’associazione non è piaciuta neanche l’esaltazione della riforma dell’assessore Ferrero, dato che La Stampa ha parlato di un risparmio di parecchio denaro grazie al dimezzamento degli amministratori di ATC e comprensori. Anche questa affermazione è stata giudicata falsa, in quanto ci saranno inefficienze e nuovi costi, in particolare per l’aumento dei rimborsi spese. Un’ultima precisazione ha riguardato il fatto che la caccia in Piemonte non costi un solo euro ai cittadini, essendo a carico dei soli cacciatori.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here