Gli animalisti denunciano i cani uccisi dai cacciatori per ottenere gli indennizzi

L'AIDAA ha lanciato l'allarme sugli incidenti di caccia che servirebbero a coprire l'abbattimento di un cane ferito o anziano.

0
allevamento

Cani uccisiL’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) ha pubblicato una nuova e incredibile nota provocatoria nei confronti del mondo venatorio. Secondo questa associazione, infatti, sono troppi i cani morti in seguito agli incidenti di caccia, a causa di fucilate sbagliate da parte dei proprietari. Nel comunicato si parla di oltre un milione di cani a disposizione dei cacciatori e viene insinuato un sospetto grave.

Per l’AIDAA molti incidenti servono a camuffare l’abbattimento dell’animale in quanto anziano o non più utilizzabile nelle battute. In questa maniera verrebbero chiesti gli indennizzi per i cani assicurati. L’associazione ha poi elencato i dati del 2016, vale a dire le 3mila pratiche di indennizzo per incidenti da caccia in cui sono morti i cani. I casi sarebbero diminuiti rispetto al passato e l’AIDAA ha riconosciuto l’aumento dei controlli da parte delle associazioni venatorie e delle compagnie assicurative.

Inoltre, il fenomeno dei falsi incidenti sarebber più frequente in regioni come la Sardegna, il Piemonte, il Lazio e la Toscana. Non è la prima volta che questa associazione animalista fa parlare di sè per prese di posizione così estreme. Spesso le querele e le denunce del presidente Lorenzo Croce, comunque, si sono dissolte come bolle di sapone.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here