Il Consiglio Regionale della Liguria chiede chiarezza sull’operato dell’ATC La Spezia

I consiglieri Costa e Pucciarelli pretendono risposte precise a una serie di domande, tra cui quelle sull'immissione di selvaggina.

0
Cacciatori Toscani

ATC La SpeziaI due consiglieri della Regione Liguria Stefania Pucciarelli (Lega Nord) e Andrea Costa (Liguria Popolare) hanno chiesto maggiore chiarezza sull’operato e la gestione dell’Ambito Territoriale di Caccia de La Spezia. L’ATC è stato definito un “feudo dotato di regole proprie e di totale autonomia”.

A insospettire i consiglieri regionali è stata l’impossibilità di visionare alcuni documenti che erano stati richiesti, soprattutto quelli che facevano riferimento all’istituzione dell’anomala figura del direttore, assente in tutti gli altri Ambiti. C’è una interrogazione specifica, inoltre, si teme che i cacciatori spezzini siano “ostaggio” di un piccolo gruppo di persone. Le risposte da fornire sono ben 9. Anzitutto bisogna fare chiarezza sullo statuto, senza dimenticare il verbale con cui è stato nominato il direttore.

L’elenco prosegue con gli obiettivi del direttore, i rimborsi spese dei collaboratori e i prospetti relativi all’immissione di selvaggina dal 2013 a oggi. Altrettanto importanti sono le domande sulle certificazioni sanitarie, le anomalie di bilancio, i preventivi per l’acquisto di selvaggina (lepri in primis) e lo smaltimento delle pelli. I due consiglieri liguri hanno infine assicurato che la maggior parte dei cacciatori sono scontenti della gestione dell’ATC.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here