Il Padule di Fucecchio al centro della ricerca scientifica da parte del mondo venatorio

Nello scorso gennaio si sono svolte le operazioni di cattura e marcatura con trasmettitori satellitari di tre beccaccini.

0
Padule

PaduleNello scorso gennaio si sono svolte le operazioni di cattura e marcatura con trasmettitori satellitari di tre beccaccini all’interno del Padule di Fucecchio. Le marcature si integrano nel progetto ANASAT sviluppato da A.C.M.A e Ufficio studi e ricerche di FIDC con la collaborazione, per quanto riguarda la specie beccaccino, del Club del Beccaccino. Queste tre catture seguono quelle già eseguite nella stagione precedente che sono state svolte nell’ambito delle attività della stazione Ornitologica di Porto allo Stillo sostenute grazie al contributo della Confederazione Cacciatori Toscani.

Questa ricerca consentirà di conoscere meglio il comportamento e le strategie della specie beccaccino al fine di garantirne una migliore gestione; infatti i progressi tecnologici possono oggi permettere la possibilità di una precisa rappresentazione sia dei tempi che delle vie migratorie delle diverse popolazioni. Di conseguenza queste acquisizioni di informazioni possono permettere di esercitare una sempre maggior funzione nel determinare la modalità di gestione delle popolazioni stesse, soprattutto in tema di definizione dei relativi calendari venatori.

Ancora una volta il mondo venatorio si rende protagonista della ricerca scientifica al fine di ottenere le informazioni necessarie alla corretta gestione faunistica delle specie oggetto di prelievo venatorio; la miglior risposta ad un mondo ambientalista sempre più propenso a posizioni ideologiche completamente slegate da una corretta e scientifica visione delle realtà.

3.9/5 (10)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here