In famiglia ci sono troppe tensioni col fratello e il cognato, no alla licenza di caccia

Una guardia giurata in pensione ha ricevuto un no secco al rinnovo dopo la valutazione di denunce e querele.

1
Licenza di caccia

Licenza di cacciaUna guardia giurata in pensione ha ricevuto un no secco al rinnovo della licenza di caccia e il Tribunale Amministrativo Regionale dell’Umbria ha confermato questa decisione. Il divieto è stato imposto dal Prefetto dopo aver accertato l’alta conflittualità di questa persona con la famiglia del fratello. Il protagonista della vicenda e l’altro nucleo, infatti, abitano nello stesso palazzo e nel corso degli anni ci sono state denunce e querele reciproche.

Il cacciatore ha voluto sottolineare come, nonostante le liti, non ci sia mai stata una condanna penale e anche la sua fedina è pulita (nessun incidente stradale o venatorio provocato). In realtà ci sarebbe un precedente, poi archiviato, una truffa che non ha nulla a che fare con armi e munizioni. Secondo i giudici del TAR la licenza non può essere rinnovata, in particolare la sentenza si è basata su una denuncia per lesioni personali e sulle dichiarazioni rese ai Carabinieri da un vicino di casa.

Di conseguenza non è stata riconosciuta l’affidabilità e si è voluto prevenire “fatti lesivi della pubblica sicurezza”. Come hanno rimarcato i magistrati amministrativi, il cacciatore deve essere al di sopra di ogni sospetto o di qualsiasi indizio negativo, altrimenti l’autorità è costretta a intervenire.

3.33/5 (60)

Valuta questo articolo!

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here