Incidente di caccia nel Salernitano, uccide il fratello durante una battuta al cinghiale

Un 34enne è stato colpito in maniera accidentale: il fratello risulta indagato con l'accusa di omicidio colposo.

0
Caccia al cinghiale

Una battuta di caccia è finita in tragedia nei pressi di Sala Consilina, in provincia di Salerno, una vicenda resa ancora più triste dal vincolo di parentela che legava i due protagonisti. Un 34enne è stato infatti colpito in maniera accidentale da una pallottola esplosa dal fratello, il quale risulta indagato con l’accusa di omicidio colposo. Si è trattato di un pallettone usato per la caccia al cinghiale: in zona, per la precisione la località montana di Sito Alto, erano presenti altri cacciatori che si sono subito accorti della gravità del fatto. I tentativi di soccorso sono stati purtroppo inutili e per l’uomo, padre di famiglia, non c’è stato nulla da fare. Il decesso è avvenuto sul colpo: sul posto sono giunti i Carabinieri della compagnia locale con una pattuglia per ascoltare i diretti interessati, attualmente sono in corso le indagini per ricostruire con maggiore precisione la dinamica dell’incidente di caccia. La salma del 34enne è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Presto si saprà se è necessaria o meno un’autopsia, in alternativa potrebbe essere sufficiente un esame esterno.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here