La Regione Basilicata chiarisce: “Nel 2017 sono stati abbattuti 10mila cinghiali”

In queste ore si era creata confusione in merito ai dati ufficiali sugli ungulati e sui vari interventi dello scorso anno.

0
Caccia al cinghiale

Regione BasilicataLuca Braia, assessore alle Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata, ha precisato alcuni aspetti relativi ai dati ufficiali diffusi nelle ultime ore sui cinghiali. Braia ha ricordato come il controllo e la caccia siano diversi dalla caccia di selezione, anche se spesso si fa confusione. I selvatici abbattuti in territorio lucano nel 2017 grazie alla caccia e all’attività di controllo sono circa 10mila, mentre è errato riportare a 2500 la quota di ungulati prelevati, come riferito dalla Coldiretti e dalla UGL.

Il dato ufficiale è stato fornito ieri mattina dai cinque Ambiti Territoriali di Caccia, mentre non è stato interpretato in modo corretto il numero pubblicato dallo stesso Dipartimento per quel che riguarda il piano di abbattimento selettivo e controllo per il periodo 2018-2020. I 10mila cinghiali dello scorso anno sono ripartiti in questo modo: 9160 circa contro i 7801 del 2016.

L’assessore ha ricordato poi l’applicazione delle varie metodologie consentite dalla norma oltre ai tre mesi previsti dal calendario venatorio. Negli altri nove mesi sarà possibile abbattere i cinghiali, infatti, con attività di controllo e caccia di selezione, sia nelle aree vocate che in quelle non vocate, con appostamento e girata. Nel corso della giornata di domani, mercoledì 15 marzo 2018, ci sarà un incontro con le associazioni di categoria in modo da rendere pubblici ulteriori dettagli.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here