Legambiente: “Forte preoccupazione per l’illegalità nella caccia in Umbria”

L'associazione ambientalista Legambiente ha espresso il suo disappunto per la richiesta di giorni di caccia in più dopo la chiusura anticipata del Governo.

0
Legambiente

LegambienteLegambiente Umbria, la sezione regionale dell’associazione ambientalista, ha espresso il suo giudizio sulla caccia nel territorio di propria competenza. Gli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC), cioè coloro che sono chiamati a gestire l’ambito venatorio, e la stessa Regione, incaricata di vigilare e guidare mediante atti e indirizzi utili a tutelare il patrimonio faunistico, sono interessati da una piega di crescente e preoccupante illegalità. Secondo Legambiente, inoltre, la Regione Umbria starebbe ripetendo lo stesso “teatrino” dello scorso anno, una situazione che poteva essere prevista da tutti, cacciatori compresi. In pratica, l’assessore alla Caccia Fernanda Cecchini è stata criticata per aver mostrato i muscoli contro il Governo e la chiusura anticipata della caccia, una mossa ritenuta valida soltanto per ottenere i favori dei cacciatori umbri.

All’associazione non è piaciuta neanche la scelta della stessa Cecchini di convocare con una certa urgenza la consulta venatoria regionale per rassicurare il settore in merito al suo tentativo di ottenere 5 o 6 giorni di caccia in più. Nel comunicato si sottolinea inoltre come l’Assessorato e le diverse associazioni venatorie siano a conoscenza da tempo degli obblighi imposti dalla direttiva comunitaria e dalla legge nazionale agli stati membri dell’Unione Europea, nello specifico il divieto di caccia agli uccelli migratori durante i periodi di migrazione prenuziale (è il caso di tordi e beccacce).

Legambiente ha paragonato la situazione umbra a uno dei pessimi comportamenti su cui ha fatto ironia Checco Zalone nel suo ultimi film “Quo vado?”, in quanto non possono essere inventate delle deroghe per avere dei tornaconti di parte. La conclusione della nota è affidata alla richiesta che l’associazione ambientalista fa al governatore dell’Umbria, Catiuscia Marini. La Regione è l’ente vigilante e dunque dovrebbe, nell’opinione di Legambiente, avviare urgentemente una azione di vigilanza che sia rigorosa, dettagliata e trasparente, senza tralasciare la rendicontazione pubblica sulle spese e sui bilanci degli Ambiti Territoriali di Caccia, in particolare quella degli ultimi dieci anni.

In questo modo si potrebbero scoprire i soldi spesi per le azioni finalizzate alla corretta gestione della fauna e degli habitat: il rischio ipotizzato da Legambiente è che questo denaro possa essere finito ad alimentare interessi esterni alla legalità, una possibilità suggerita anche dalle condanne della Corte dei Conti ad esponenti venatori dell’ATC di Terni e Orvieto. L’Umbria è una delle sette regioni che sono state prese in considerazione nelle ultime ore dal Consiglio dei Ministri per esercitare i poteri sostitutivi e anticipare la chiusura della stagione di caccia al 20 gennaio 2016.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here