Liguria, l’ISPRA non ha richiesto la sospensione della caccia a moriglione e pavoncella

Con un parere del 15 aprile scorso ha dichiarato che la pressione venatoria non risulta essere un fattore di maggiore criticità per le due specie.

0
Liguria

LiguriaMarco De Ferrari (ilBuonsenso) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dal collega di gruppo Alice Salvatore, in cui ha chiesto alla giunta regionale della Liguria, in conseguenza della nota del Ministro dell’Ambiente, del 28 maggio scorso, di escludere dal calendario venatorio della Regione 2020/2021 le specie Pavoncella e Moriglione. Il consigliere ha ricordato che il 17 ottobre 2019, il Tar ha accolto buona parte del ricorso presentato da Lac, Enpa, Wwf e Lav, impugnando la delibera della Regione sulle regole del calendario venatorio 2019-2020, vietando anche la caccia Moriglione e Pavoncella e che il 19 giugno 2019 la Commissione Europea aveva reso noto agli Stati membri che, è stato valutato sfavorevole lo stato di conservazione di 9 specie fra cui Pavoncella e Moriglione.

L’assessore alla caccia Stefano Mai ha ricordato che nella prossima stagione venatoria 2020/2021 «non viene esclusa le specie in questione dal calendario venatorio in quanto il provvedimento è stato approvato, dopo aver acquisito il preventivo dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) che, per quanto concerne le specie Pavoncella e Moriglione, con un parere del 15 aprile scorso ha dichiarato che la pressione venatoria non risulta essere un fattore di maggiore criticità per le due specie e, pertanto ISPRA ha deciso di non richiedere la sospensione della caccia alle due specie nei calendari 2020/2021».

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here