L’ISPRA autorizza il piano di controllo della volpe dell’ATC Latina 2

L'Istituto ha esaminato il programma di interventi dell'Ambito Territoriale di Caccia laziale, approvando il via libera.

0
Controllo della volpe

Controllo della volpeL’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ha fornito il proprio parere sul piano di controllo della volpe predisposto dall’Ambito Territoriale di Caccia Latina 2 per il periodo 2018-2020. In particolare, è stato preso atto come all’interno dell’ATC laziale non ci siano zone di ripopolamento e cattura o aree in cui è in vigore il divietto di caccia per la protezione di lepri e fagiani.

Non ci sono nemmeno dati pregressi per quel che riguarda la consistenza della volpe, ma l’impostazione del piano è stata giudicata condivisibile. Si tratta di 10 aree di rispetto venatorio da istituire con una superficie minima di 150 ettari o superiore. L’ISPRA ha accettato la realizzazione del piano di interventi volti a ricostruire i nuclei di popolazione di piccola selvaggina stanziale in grado di sostenersi tramite le immissioni.

Il controllo della volpe, il cui obiettivo è quello di ridurre l’impatto predatorio dell’animale, viene considerato dall’Istituto come coerente con il quadro normativo attuale. Lo stesso discorso è stato fatto per i miglioramenti ambientali all’interno delle aree di rispetto venatorio e finalizzati alla riproduzione naturale della piccola selvaggina. Infine, l’ISPRA ha detto la sua sul programma didattico per il conseguimento dell’abilitazione al controllo della volpe, elencando gli argomenti delle varie lezioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here