Nella Comunità Montana Valli del Verbano si sperimentano i semafori dei cinghiali

Nelle zone più a rischio in provincia di Varese i dispositivi segnaleranno la presenza degli ungulati agli automobilisti e li allontaneranno con dei dissuasori.

0

semafori dei cinghialiI cinghiali sono un argomento di attualità e di discussione in tante regioni italiane e le proposte per fronteggiare l’emergenza non si contano più. Uno dei progetti più curiosi è quello che sarà sperimentato in Lombardia, per la precisione dalla Comunità Montana Valli del Verbano (il capoluogo è Luino, in provincia di Varese). Come raccontato da Varese News, si tratta del cosiddetto “semaforo” che regolerà il “traffico” di caprioli, cervi e soprattutto cinghiali, ungulati responsabili di incidenti stradali molto gravi. Il debutto è previsto per la prossima primavera, con un sistema piuttosto sofisticato su cui si stanno concentrando molte aspettative. In pratica, l’obiettivo è quello di rilevare la presenza dell’ungulato fin dal momento in cui si trova nei boschi, ma comunque a ridosso della carreggiata, senza dimenticare la segnalazione della stessa presenza entro cinquanta metri.

Alcuni dissuasori che funzioneranno a ultrasuoni, poi, saranno utili ad allontanare l’animale dalla zona a rischio. I promotori del progetto hanno studiato a fondo il territorio della Comunità Montana, mappando con cura i punti principali in cui i cinghiali sono soliti attraversare la strada o avvicinarsi eccessivamente ad essa. In base agli avvistamenti più frequenti e al numero maggiore di incidenti stradali, le zone sono state suddivise a seconda del loro rischio (il rosso ha identificato le aree più pericolose in assoluto, con oltre dieci sinistri).

Ecco perché i semafori cominceranno ad apparire proprio nei punti che destano la maggiore preoccupazione e in cui il transito è importante. L’elenco include strade statali e provinciali a Gemonio, Azzio, Cuveglio, Mesenzana, Germignaga, Luino, Porto Valtravaglia e Ticinallo: gli automobilisti potranno riconoscere i semafori con facilità perché si sta parlando di colonnine disposte al lato della carreggiata. Secondo Carlo Molinari, assessore della Comunità Montana, la sicurezza stradale e quindi dei cittadini devono diventare delle priorità, di conseguenza il cinghiale va fermato prima che diventi una fonte di guai.

Non è una prima volta per l’Italia, comunque, dato che dispositivi simili sono stati già introdotti in Toscana e in Trentino Alto Adige. Ci si affida alla precisione dei sensori che sono in grado di avvertire l’avvicinamento, oltre all’avvistatore ottico che può riconoscere l’ungulato e distoglierlo dalla strada. Le autoscuole dei comuni ricompresi nella Comunità Montana avranno il compito di insegnare questo nuovo segnale di avvertimento e di sensibilizzare il più possibile. Al progetto ha preso parte anche l’Istituto Oikos di Milano, ora si attende solo la sperimentazione concreta, dopo la quale sarà possibile stilare un primo bilancio.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here