In Norvegia una lotteria per assegnare le licenze di caccia all’alce

L'agenzia che si occupa del territorio e delle foreste ha deciso di affidarsi a questo meccanismo a causa della domanda elevata di permessi.

0
Moose, hunting moose caccia all'alce

Caccia all'alceIn molti stati americani è quasi una consuetudine, ma se il discorso viene fatto per l’Europa bisogna parlare quasi di una rarità: le domande per ottenere i permessi di caccia all’alce sono state così numerose in Norvegia che Statskog, l’agenzia nazionale che si occupa del territorio e delle foreste, ha annunciato che verrà sfruttata una lotteria per agevolare il processo di assegnazione. Il periodo scelto è quello tra lo scorso 1° aprile e il prossimo 1° maggio e i cacciatori norvegesi avranno la possibilità di esercitare l’attività venatoria in 300 diverse zone. I numeri dello scorso anno sono stati diversi, visto che mille cacciatori del paese scandinavo hanno ottenuto le licenze per 220 zone, stando a quanto riferito da Thelocal.no.

Il numero uno di Statskog, Jo Inge Breisjøberget, ha spiegato come l’interesse per la caccia in Norvegia sia ancora grande, di conseguenza il 2016 dovrebbe essere caratterizzato da una domanda sostenuta. Proprio questo boom ha convinto a ideare il metodo più giusto e “democratico” per non scontentare nessuno. Il macchinario del lotto di cui si sta parlando funzionerà in modo automatico, dunque non ci sarà bisogno dell’intervento umano, così da evitare polemiche e possibili manipolazioni. Il prelievo venatorio è una risorsa molto importante per il paese nordico, soprattutto per tenere sotto controllo la popolazione complessiva di determinate specie, alce in primis.

Lo scorso mese di febbraio, ad esempio, l’amministratore del Distretto di Midt-Troms, Willy Ørnebakk, ha raccomandato una riduzione di questi animali pari ad almeno il 25%, una urgenza motivata dalla pubblicazione di un rapporto secondo cui nella municipalità sono stati registrati tra gli 800 e gli 820 alci (il confronto con il 2014 ha fatto scattare l’allarme). Tra l’altro, questo tipo di caccia coinvolge sia uomini che donne ogni anno e un recente studio ha evidenziato i benefici fisici e mentali che possono essere guadagnati grazie a questa attività. Nelle aree destinate alla caccia all’alce possono essere utilizzati anche i cani: le zone più gettonate sono senza dubbio le regioni montuose, sia nella parte settentrionale che in quella meridionale della nazione.

In altre aree, invece, sono prevalenti i lupi, di conseguenza vengono sfruttate modalità diverse. Nel corso del 2015 Statskog ha incassato qualcosa come 14 milioni di corone svedesi (circa 1,4 milioni di euro) dai 60mila cacciatori di alci. Secondo quanto riferito dai responsabili dell’agenzia, i guadagni potevano essere addirittura superiori, tenendo conto della popolosità delle aree, ma i prezzi venatori non sono esclusivi e possono subire delle modifiche anche piuttosto marcate.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here