OMS lancia allarme su selvatici invasivi, Mazzali: “Cacciatori inascoltati”

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto di fermare la vendita di mammiferi selvatici vivi nei mercati alimentari.

0
OMS

OMSL’onorevole Barbara Mazzali, consigliere regionale della Lombardia, ha diffuso questa nota sui social nelle ultime ore: “Cari amici, vi do una notizia appena uscita che ritengo molto importante. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto di fermare la vendita di mammiferi selvatici vivi nei mercati alimentari per prevenire la diffusione delle malattie infettive. E’ una richiesta non solo significativa in sé, ma tanto più rilevante in quanto fatta addirittura dall’Oms. Cito le parole dell’Organizzazione: ‘Gli animali, in particolare quelli selvatici, sono la fonte di oltre il 70% di tutte le malattie infettive emergenti nell’uomo, molte delle quali sono causate da nuovi virus.

I mammiferi selvatici, in particolare, rappresentano un rischio per l’emergere di nuove malattie’. La pericolosità dei selvatici e il fatto che siano tramite di malattie anche molto gravi è un allarme che noi cacciatori diamo da tempo e siamo inascoltati. Anche Coldiretti sottolinea come vada immediatamente fermata l’incontrollata proliferazione degli animali selvatici, cinghiali in primis. Il lockdown ha peggiorato una situazione già preoccupante e adesso è il momento di agire. Mi auguro che le parole dell’Oms sveglino chi ancora pensa che gli animali siano pelouches e soprattutto sveglino politici e ministri che devono decisamente cambiare passo”.

5/5 (4)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here