Rimini, nuovo accordo per catturare i cinghiali nel Parco Sasso Simone Simoncello

L'intesa con la Coldiretti romagnola si è resa necessaria dopo aver capito che la girata e gli appostamenti fissi non sono sufficienti.

0
Friuli

Parco Sasso Simone SimoncelloGiuseppe Salvioli, numero uno della Coldiretti di Rimini, ha ringraziato il presidente del Parco Sasso Simone e Simoncello, Guido Salucci, per la firma dell’accordo che coinvolge le aziende agricole nell’ambito della gestione e del contenimento del cinghiale. L’area naturale si trova in parte nella provincia di Rimini e in parte in quella di Pesaro-Urbino. L’intesa prevede la riduzione del numero di ungulati che hanno già provocato tanti danni all’agricoltura di montagna, ma non solo.

Si è scelto di affidarsi ai chiusini, i recinti che si chiudono quando il selvatico viene attirato all’interno. Oltre alla cattura, l’azienda agricola si impegna ad acquistare gli esemplari fino al numero massimo di capi assegnati da questo parco. In base a come andranno le catture, poi, si decideranno altre azioni. Salucci ha voluto dare in questo modo un contributo concreto, senza petizioni e disquisizioni che non aiutano a risolvere il problema.

Il controllo tramite la caccia di selezione e gli abbattimenti tramite appostamenti fissi (le altane) e con le girate programmate non sembra funzionare a causa delle abitudini dei cinghiali stessi. Sui chiusini c’è invece molta aspettiva e la carne ottenuta dalla macellazione degli ungulati potrà essere messa in commercio dagli stessi agricoltori, una filiera alimentare potenzialmente sana e redditizia.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here