A Firenzuola (FI) i cacciatori di daini e mufloni decidono di scioperare

Si tratta di una protesta contro la legge toscana sugli ungulati: Confagricoltura ha invitato a riconsegnare i tesserini venatori.

0

Cacciatori di daini e mufloniLa sezione della Toscana di Confagricoltura ha deciso di commentare le ultime notizie apprese in merito ad alcuni iscritti alla caccia di selezione al daino e al muflone che si sarebbero riuniti per decidere di sospendere l’attività venatoria e a ottobre in segno di protesta contro la legge regionale. Si tratta dei cacciatori attivi a Firenzuola, nel Mugello, a cui Francesco Miari Fulcis, numero uno dell’associazione agricola in Toscana, si è rivolto in maniera categorica. I cacciatori sono stati infatti invitati a riconsegnare i tesserini se non hanno intenzione di cacciare.

La protesta non ha precedenti e i motivi sono due: questi ungulati sono considerati un patrimonio e la zona scelta non viene considerata la più adatta per il ripopolamento. Secondo Confagricoltura, però, il sovrappopolamento di daini e mufloni (ma non solo) provoca danni incalcolabili al settore primario: tra l’altro, stanno crescendo di anno in anno ed è necessario che ognuno faccia la propria parte.

L’invito ai cacciatori fiorentini è quindi quello di adeguarsi alle nuove circostanze e rispettare il lavoro altrui. Lo sciopero dei fucili è stato giudicato un’azione spettacolare senza alcun effetto concreto, se non quello di causare altre perdite agli agricoltori e danni all’ecosistema toscano.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here