Aveva armi del fratello nella propria collezione, porto d’armi ritirato

Il TAR ha confermato la revoca: l'uomo non aveva annotato nella propria licenza la presenza di due pistole e un revolver.

0
Porto d'armi

Porto d'armiLa Prima Sezione del Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria si è espresso sul ricorso presentato da un uomo contro la Questura di Catanzaro e il divieto di detenere armi, munizioni e materiale esplosivo. Allo stesso tempo a questa persona era stata imposta la revoca della licenza di collezione di armi. Che cosa è successo nello specifico? Nel corso di un controllo nell’abitazione dell’uomo sono state trovate una pistola e due revolver che non risultavano annotati nella licenza di collezione armi.

Secondo quando riferito dallo stesso, si trattava di armi appartenenti al fratello e per questo motivo i poliziotti avevano sequestrato tutto, denunciando la persona per detenzione illegale di armi comuni da sparo. Il ricorso non è stato accolto. Secondo i giudici amministrativi, infatti, l’inaffidabilità all’uso delle armi è sufficiente a giustificare il ritiro della licenza, senza che sia necessario dimostrarne l’abuso.

Il numero di armi trovate in casa del ricorrente e la mancata denuncia nella licenza sono due motivi validi per la revoca e il divieto, di conseguenza l’uomo è stato condannato al pagamento delle spese di lite, nello specifico 2mila euro in favore dell’amministrazione. Si tratta di una sentenza a cui si dovrà fare necessariamente riferimento nel corso della valutazione di casi simili.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here