Caccia in deroga in Veneto: respinto il ricorso al TAR

0

Il TAR respinge il ricorso presentato dagli animalisti contro la caccia in derogaIl TAR respinge il ricorso presentato dagli animalisti contro la caccia in deroga

Venezia. I giudici della prima Sezione del Tar del Veneto, Vincenzo Antonio Borea (presidente), Alessandra Farina (relatore) e Claudio Rovis, in seguito all’udienza di ieri 27 ottobre, hanno deciso di respingere il ricorso contro la delibera della Giunta Zaia sulla caccia in deroga. «Non conosciamo ancora le motivazioni dell’ordinanza pertanto è difficile comprendere il perché di questa decisione», ha commentano Andrea Zanoni presidente della Lac del Veneto.

«Lo scorso anno – continua Zanoni – in seguito al nostro ricorso, il Tar bocciò per tre volte consecutive altrettante delibere della giunta Galan che consentivano la caccia a quattro specie di uccelli protetti. Quest’anno invece, con un numero di specie aumentato a sei, ovvero con l’aggiunta del Frosone e del Prispolone, la delibera della Giunta Zaia non è stata bocciata.

Quest’anno inoltre avevamo dalla nostra un nuovo parere dell’istituto Ispra che ci dava ragione su tutti i fronti ed una perentoria sentenza di condanna della Corte di Giustizia europea dello scorso 15 luglio sull’illegittimità della caccia in deroga in Italia».

«La guerra contro la caccia in deroga non è persa, questo è solo un piccolo incidente di percorso, se non ci da ragione il Tar vuol dire che ci faremo dare ragione da qualcun altro, magari dalla Corte di Giustizia europea che a breve deciderà se condannare il Veneto».

fonte: Il Giornale di Vicenza

CONDIVIDI
Articolo precedenteControllo dell’acquisizione e della detenzione di armi
Articolo successivoLodde è d’oro in Kazakistan
Meloni Pierfilippo
Giornalista pubblicista e fondatore di Caccia Passione. Correva l'anno 2002 quando diedi vita al portale internet, mettendo a frutto tre grandi passioni, quella in lettere moderne, l'altra per l'informatica e altresì per l'attività venatoria. Negli anni Caccia Passione è divenuto Testata giornalistica ove oggi scrivono le migliori "Penne" giornalistiche d'Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here