Deutsch-Drahthaar : Cane da ferma, adatto a tutti i tipi di caccia

0

Il Deutsch-Drahthaar è un cane da caccia con impiego polivalente, utilizzabile per tutti gli usi sul campo, nel bosco ed in acqua, sia prima che dopo lo sparo.

Cenni storici. Il Deutsch-Drahthaar è un cane da ferma a pelo duro, creato nel XIX sec da von “Hegewald” (Sigismund Freiherr von Zedlitz und Neukirch) con il preciso obiettivo di dar vita ad un cane da caccia a pelo duro, equilibrato sotto il profilo caratteriale e conforme alle sue funzioni.  Nel sue sangue si trovano i geni del Griffone Korthals, del Pudelpointer, del Deutsch-Stichelhaar e del bracco tedesco a pelo corto Deutsch-Kurzhaar.

Da queste razze si è ottenuto un cane da caccia che, grazie al suo manto peloso che gli conferisce una notevole resistenza alle intemperie ed alla sua versatilità, si è contraddistinto in molti tipi di caccia. Queste caratteristiche fanno del Deutsch-Drahthaar un cane da ferma, il quale ha conquistato in pochi decenni molta ammirazione e stima in termini di affidabilità, sia in Germania che nel mondo.

 Di aspetto nobile, dotato di un manto peloso irto e duro il quale gli offre  una protezione perfetta, ha un’espressione accorta e vigorosa. I suoi movimenti sono energici, estesi, sciolti ed armonici. Il Deutsch-Drahthaar  denota, a prima vista, un comportamento fermo, controllato, equilibrato, impavido verso il selvatico, ma mai aggressivo. Il pelo è ciò che suscita maggiore attenzione, poiché è duro come un filo metallico, aderente e folto. Non a caso, drathaar è dato dalla combinazione di due parole tedesche drath (fil di ferro) e haar (pelo).

La lunghezza dello stesso varia dai due ai quattro centimetri, mentre il sottopelo è folto ed impermeabile. Grazie a questa durezza e densità, il  Deutsch-Drahthaar  è impermeabile alle intemperie e, soprattutto, resistente alle ferite. Le parti inferiori degli arti, il torace ed il ventre  sono ben protetti a tutte le evenienze durante una battuta di caccia. Le sopracciglia sono marcate ed ha una barba folta, le quali gli conferiscono un’aria ed un’espressione sempre serie ed attenta. L’altezza al garrese per i maschi varia dai 61 cm fino a 68 cm, mentre per le femmine dai 57 cm fino a 64 cm.

 L’andatura del drahthaar è caratterizzata da un galoppo vigoroso, ma non irruente. Il posteriore spinge energicamente con naturale armonia, mentre l’anteriore, leggermente rampante, non ha eccessivi slanci in avanti. La sua falcata è alquanto raccolta e continua, con la testa tenuta alta. La coda si sviluppa sul prolungamento della linea dorsale.

La cerca è meticolosa ed approfondita, cosa che gli permette di adeguarsi fin da subito ai cambiamenti contingenti del terreno e del selvatico. In spazi aperti la cerca è precisa e regolare, con “lacet” spaziati nella giusta misura. In spazi stretti il cane si adatta, avviando una cerca metodica ed affidabile. I quesiti che gli vengono posti, vengono risolti dal Deutsch-Drahthaar  senza particolari difficoltà, anche in condizioni difficili, effettuando brevi fasi di accertamento a terra.

Quando durante la cerca si rende conto che non c’è presenza di selvatico, rallenta l’andatura portandosi al trotto e ricerca la traccia. Quando, invece, trova un indizio della possibile presenza del selvatico se ne rende conto e va in ferma. In questa situazione assume una posizione ben eretta sugli arti, talvolta con un arto sollevato, testa alta e canna nasale sull’orizzontale e la coda sul prolungamento della linea dorsale.

Se trova il selvatico in questo caso si blocca piuttosto istantaneamente e si dimostra sicuro e deciso. Per quanto riguarda la guidata, quest’ultima avviene in posizione eretta, ma in presenza di scarsa vegetazione e con selvatico sensibile può anche compiersi in posizione lievemente flessa sulle zampe. Il drahthaar dimostra una naturale predisposizione per il ricupero ed il riporto.

Il Deutsch-Drahthaar è un cane da ferma molto equilibrato, fiero e consapevole delle sue capacità. E’ robusto e resistente, sicuro di sé ed in grado di portare a termine il suo lavoro con dedizione ed efficacia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here